sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

IN UN'EUROPA SPACCATA ORA HOLLANDE TIRA IL FRENO

Il Secolo XIX - 7 settembre 2013

di Francesco De Remigis

L'Italia √® tra gli undici firmatari¬†del documento che sottolinea l'uso¬†di armi chimiche da parte di Bashar¬†al Assad: ¬ęIl regime viene ritenuto¬†responsabile dell'attacco del 21¬†agosto a Damasco¬Ľ, si legge nel testo,¬†per cui si chiede ¬ęuna risposta¬†forte¬Ľ. Ma sia la Farnesina, sia Palazzo¬†Chigi, restano cauti sull'intervento¬†militare.¬†Il motivo lo ha spiegato lo stesso¬†premier, Enrico Letta. Permane,¬†¬ęin modo molto doloroso¬Ľ, la divisione¬†su una soluzione militare.¬†Specie in sede europea. Cos√¨ anche¬†Roma sembra propendere per una¬†via alternativa. Pi√Ļ soft. ¬ęLavoreremo¬†affinch√© rientrino le divisioni - ha¬†detto Letta - per una soluzione¬†politica, ma anche per ribadire la¬†condanna sull'uso delle armi chimiche¬Ľ.¬†¬ęL'Italia - ha poi chiarito il¬†premier - non parteciper√† ad alcuna¬†iniziativa di carattere militare¬†che non abbia l'autorizzazione¬†esplicita dell'Onu¬Ľ. Tuttavia Letta,¬†ha cercato sino all'ultimo, insieme¬†allo spagnolo Mariano Rajoy di¬†convincere Obama a usare toni meno¬†forti, a frenare sull'intervento. I¬†due hanno cercato l'ultima mediazione¬†nel tentativo di scongiurare¬†un ¬ęallargamento dell'Atlantico¬Ľ,¬†facendo da "spalla morale" a¬†Washington. A nulla sono valsi per√≤¬†gli sforzi del premier italiano per¬†convincere il presidente Usa a concedere¬†pi√Ļ tempo alla diplomazia.¬†Roma non vuole ripetere il disastroso¬†intervento in Iraq.¬†Un messaggio di prudenza, insomma,¬†rivolto agli Stati Uniti, e¬†anche alla Francia, in prima fila per¬†un intervento armato. ¬ęSe il Congresso¬†americano respinger√† l'autorizzazione¬†all'attacco, Parigi invier√†¬†armi ai ribelli¬Ľ, ha detto ieri¬†Fran√ßois Hollande. Ma il presidente¬†francese, ora pi√Ļ isolato in Europa,¬†ha corretto il tiro: un ipotetico¬†attacco dovr√† concentrarsi ¬ęsolo su¬†obiettivi militari¬Ľ e non mirer√† alla¬†caduta del regime di Bashar al-Assad,¬†ha detto. Un piccola cautela dopo¬†lo slancio iniziale.¬†Firmato al termine del vertice¬†G20 da undici Paesi - Australia, Canada,¬†Francia, Italia, Giappone,¬†Corea del Sud, Arabia Saudita, Spagna,¬†Turchia e Stati Uniti, pi√Ļ la¬†Spagna, invitato permanente al¬†G20 - il documento contiene ben¬†poco. Contano pi√Ļ le dichiarazioni¬†a margine.¬†La Francia alza la voce col ministro¬†degli Esteri, Laurent Fabius,¬†chiedendo di condannare l'uso delle¬†armi chimiche. Ma nulla di pi√Ļ.¬†Hollande, ormai, frena ad ogni dichiarazione,¬†in attesa della decisione¬†americana. Anche il pi√Ļ attivo¬†fronte interventista in Europa ieri¬†si √® sfaldato; tanto che l'Eliseo si √®¬†visto costretto a far sapere in serata¬†che la Francia aspetter√† il responso¬†degli ispettori: ¬ęNessun attacco¬†prima del rapporto delle Nazioni¬†Unite¬Ľ. Come l'Italia.¬†Sembra passata la linea del segretario¬†generale dell'Onu BanKi-moon;¬†anche lui a San Pietroburgo per¬†un incontro laterale al G20. Alla vigilia¬†del vertice ha espresso il suo¬†¬ęNo¬Ľ a un intervento ¬ęavventato¬Ľ.¬†Ma, mentre Papa Francesco, dal¬†suo account Twitter, ribadiva un¬†impegno per la pace da parte di tutti¬†gli uomini di buona volont√†, gli Stati¬†europei continuano a muoversi¬†in ordine sparso. L'Ue ¬ęcercher√† di¬†trovare un linguaggio comune oggi¬†a Vilnius. Per lasciare aperta la porta¬†ad una soluzione politica¬Ľ, spiega¬†il capo della diplomazia italiana¬†Emma¬†Bonino.¬†Un auspicio, oggi alla prova dei¬†fatti nella riunione informale con i¬†27 colleghi prevista in mattinata. Se¬†al G20 i capi di Stato e di governo¬†hanno infatti ottenuto ben poco,¬†nella capitale lituana si riproporr√†¬†il tema dell'intervento armato. All'incontro¬†sar√† presente anche il segretario¬†di Stato americano, John¬†Kerry, che cercher√† di convincere i¬†28 della necessit√† di un intervento¬†contro il regime.¬†Insomma, tra Vladimir Putin e¬†Barack Obama le divergenze rimangono¬†nonostante l'incontro di¬†ieri. L'Unione europea si limita ad¬†avere ¬ęcomprensione¬Ľ per la via¬†americana per cui il presidente degli¬†Stati Uniti si era rivolto agli alleati¬†europei. Ma senza farla propria.





Comunicati su:
[ Americhe ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Russia ] [ Unione Europea ] [ USA ]

Rassegna Stampa su:
[ Americhe ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Russia ] [ Unione Europea ] [ USA ]

Interventi su:
[ Americhe ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Russia ] [ Unione Europea ] [ USA ]


- WebSite Info