sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

"E' STATO FONDAMENTALE TENERE UN PROFILO BASSO"

La Stampa - 9 settembre 2013


di Antonella Rampino

Ci sono situazioni e teatri, come quelli di guerra, in cui mantenere il riserbo tenendo a freno le emozioni √® indispensabile. Grazie a chi ha avuto tenuta, pazienza e fiducia: la famiglia di Domenico Quirico e voi de ¬ęLa Stampa¬Ľ, capaci di piemontesissimo riserbo. E grazie soprattutto alla Farnesina, all'Unit√† di crisi e agli apparati dello Stato italiano, che per la liberazione di Quirico non hanno mollato un minuto¬Ľ. Emma Bonino ci parla mentre sta andando ad accogliere il veterano dei fronti di guerra de ¬ęLa Stampa¬Ľ, rapito in aprile in terra siriana, al suo quarto reportage su quella guerra civile, all'aeroporto di Ciampino. E dopo cinque mesi esatti di tensione, di pendolo tra contatti sempre accesi e poi sospesi, e di quotidiani ma non sempre positivi aggiornamenti dall'Unit√† di crisi, il ministro √® finalmente sollevato: ¬ę√ą una notizia emozionante, per tutti. Per la famiglia, per noi della Farnesina, per voi de ¬ęLa Stampa¬Ľ, e una bellissima notizia per tutti i giornalisti che rischiano la vita sui fronti di guerra, che impegnano se stessi per cercare e raccontare la verit√†¬Ľ. Il telefono del ministro degli Esteri √® squillato attorno alle 19 di ieri. Era Claudio Taffuri, il responsabile dell'Unit√† di crisi della Farnesina, con la notizia pi√Ļ bella: Domenico Quirico √® un uomo libero.

Ministro Bonino, qual è stata la dinamica che ha portato alla liberazione, e che cosa ha fatto sì che uno stallo di 5 mesi si sbloccasse?
¬ęCi sar√† tempo e modo per informarne la pubblica opinione, e ricostruire le fasi del sequestro. Adesso, la procedura prevede non a caso come prima cosa che Domenico Quirico sia ascoltato dalla magistratura italiana, √® evidente che non √® possibile in questo momento aggiungere altro. Quello che di certo ha agevolato e ci ha premiato √® stata una cosa semplice e difficilissima, in un caso delicato come un sequestro di persona in uno scenario devastato e complesso com'√® quello siriano: il riserbo. Ha premiato la tenuta della famiglia e del giornale; la costanza nel mantenere un profilo basso, non cogliendo mai il bench√© minimo accenno di polemica. Ha premiato la tenuta nel seguire le nostre indicazioni per il riserbo. E naturalmente ha premiato la cocciutaggine operosa di tutta la Farnesina, a cominciare dall'Unit√† di crisi, e di tutti gli apparati dello Stato. A loro devo e dobbiamo dire grazie¬Ľ.

√ą una fase molto particolare nella crisi siriana, gli Stati Uniti hanno annunciato di voler compiere attacchi mirati, una situazione in cui gli ostaggi sul terreno sono a rischio. Pu√≤ dirci se c'√® stata un'accelerazione, una maggiore determinazione nel tentare la liberazione di Quirico?
¬ęL'importante, per noi tutti, √® sempre stato riportare a casa Domenico Quirico prima possibile. La nostra determinazione √® sempre stata la stessa. Sono state settimane e mesi di grande preoccupazione. I contatti accesi hanno avuto un periodo di mancata comunicazione, e naturalmente la preoccupazione di tutti cresceva¬Ľ.

Qual è stato il momento peggiore?
¬ęLa situazione √® sempre stata molto complessa, e non lo abbiamo mai nascosto. Abbiamo seguito giorno per giorno, tutti i giorni e dunque anche in questi ultimi, ogni possibile canale, in un contesto complesso, e al massimo grado, come quello siriano. Come ho detto pi√Ļ volte in Parlamento, dando di volta in volta le informazioni sul caso di Quirico, alcuni canali che inizialmente avevamo si sono interrotti, poi si sono riaccesi, e sono man mano diventati pi√Ļ solidi. Contatti attivati, comunque, a 360 gradi¬Ľ.

Insieme al nostro collega Quirico è stato liberato anche il professore belga che era stato catturato con lui, Pier Piccinin. Può dirci qual è la situazione per padre Dall'Oglio?
¬ęPer Quirico abbiamo sempre avuto elementi di speranza, perch√© come dicevo prima i contatti si accendevano e si spegnevano, ma andavano solidificandosi, e alla fine si sono dimostrati solidi. Per padre Dall'Oglio al momento i contatti sono minori, e purtroppo anche meno solidificati. Ma la felice soluzione del sequestro di Quirico, e questa serata in cui possiamo condividere questa felice emozione, ci insegna che occorre molto lavoro, e molta determinazione. E, certo, anche un po' di fortuna¬Ľ.





Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ Siria ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ Siria ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ Siria ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info