sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 dicembre 2018 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

IL FUTURO DELL'AFGHANISTAN PASSA DAL RAFFORZAMENTO DEL RUOLO DELLA DONNA

29 Novembre 2013

Il futuro dell'Afghanistan passa dal "rafforzamento del ruolo della donna in tutti i settori della società". Lo ha sottolineato la Ministro Emma Bonino intervenendo ieri al convegno "Afghanistan 2014 anno di svolta: bilancio e prospettive per le donne afghane", promosso da Actionaid, ONG internazionale attiva nella lotta alla povertà e all’esclusione sociale.

Importanti passi avanti ma tanto da fare ancora

Negli ultimi anni le donne hanno fatto "importanti passi avanti sul piano della partecipazione politica a cui non sono tuttavia corrisposti analoghi progressi su altri piani”, ha spiegato la Ministro: soltanto il 5,8% delle donne ha un titolo di scuola superiore (contro il 34 % degli uomini); per ogni 100.000 nascite, 460 donne muoiono di parto; la presenza delle donne sul mercato del lavoro è pari al 15,7 % del totale (contro l’80,3 % degli uomini), ha ricordato la Bonino, sottolineando che in questa fase di "grandi cambiamenti" per l'Afghanistan (elezioni presidenziali, passaggio della responsabilità della sicurezza dagli stranieri agli afghani), sarà "fondamentale mantenere fermo l’obiettivo prioritario della promozione dei diritti umani".

L’Italia si aspetta progressi su diritti umani

L'Italia continuerà a sostenere l'Afghanistan, come sancito dall'Accordo di partenariato e cooperazione del 2012, ma allo stesso tempo si aspetta "significativi passi avanti del Paese nella tutela delle donne e dei diritti di genere e nella più complessa opera di crescita democratica". Un segnale di "attenzione forte", che "testimonia l’impegno che ispira in profondità i nostri rapporti bilaterali" con l’Afghanistan, è la recente ricostituzione del Gruppo di contatto delle deputate italiane con le donne afghane, attivo nel corso delle precedenti legislature su svariati fronti e protagonista di importanti iniziative. Tale gruppo "può certamente rappresentare un utile contributo" a favore del consolidamento dei diritti delle donne in Afghanistan, ha aggiunto la Ministro, ricordando poi l'impegno "in prima linea" della Cooperazione Italiana in particolare nei settori della salute materno-infantile, dell’empowerment economico e dello sviluppo istituzionale e dei diritti delle donne, con particolare riferimento all’eliminazione della violenza di genere.

Visita in Italia parlamentari afghane

Il seminario, ospitato dalla Camera dei Deputati, si tiene in occasione della visita in Italia delle parlamentari afghane per partecipare ad un progetto triennale realizzato da ActionAid co-finanziato dal Ministero degli Affari Esteri italiano dal titolo “Approccio integrato per la riduzione della violenza contro le donne in Afghanistan”.




Comunicati su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Asia Meridionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Asia Meridionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Asia Meridionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info