sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 giugno 2017 
LunMarMerGioVenSabDom
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

BORSE MADE IN ITALY, SEGNALI DI RIPRESA

Il Sole 24 Ore - 29 febbraio 2008 di Marika Gervasio La qualità vince negli accessori. Un comparto - tra borse e calzature - che dopo anni di stagnazione sta dando segnali di ripresa, trainato soprattutto dalle esportazioni. A testimoniarlo, alcune delle aziende che partecipano al Mipel, la fiera di settore che si è aperta ieri alla fiera di Milano-Rho Pero, e il ministro per il Commercio internazionale Emma Bonino: «La pelletteria e le calzature - ha detto ieri all`inaugurazione della fiera - hanno saputo riprendersi dalla crisi puntando sulla qualità e sull`innovazione che hanno conquistato l`estero. Per questo bisogna continuare a puntare sulle esportazioni e sull`internazionalizzazione, diversificando le vendite sui vari mercati, dalla Russia agli Stati Uniti fino al Medio Oriente e al Far East». Cosa che stanno facendo molte aziende di pelletteria che si dichiarano ottimiste anche per il 2008. Russia e Golfo Persico sono i mercati sui quali sta puntando Braccialini (marchio di Mariella Burani fashion group) che esporta il 60% della produzione anche in Europa del Sud e Far east (Taiwan e Corea del sud). «Abbiamo grandi attese per quest`anno - commenta Lorenzo Braccialini -. Prevediamo 15 nuove aperture di negozi, di cui 10 in Russia dove il nostro export è cresciuto del 50% rispetto alla stagione precedente. Apriremo anche a Dubai, in Qatar e Kuwait e ci rafforzeremo in Arabia Saudita. Quest'anno, poi, andrà a regime il marchio Gherardini, acquisito l'anno scorso, molto forte in Giappone, che dovrebbe portare i ricavi totali a oltre 70 milioni, rispetto ai 53 con cui abbiamo chiuso il 2007. Con la nuova linea ecosostenibile Amazonlife, poi, stiamo puntando a Stati Uniti ed Europa del Nord, Paesi tradizionalmente sensibili alle questioni ecologiche». Gli Stati Uniti e l'Europa rappresentano i mercati principali dell'export di Leu Locati, una piccola azienda di Milano (3 milioni di fatturato) che compie 100 anni di attività e che vende all'estero l'80% della produzione, realizzata a mano anche per altri brand mondiali del lusso, come spiega il presidente Paolo Amato: «Da 60 anni esportiamo in Giappone, dove il marchio ha una grandissima notorietà. In Russia non siamo ancora presenti: il Mipel potrebbe essere l'occasione per stabilire i primi contatti. Stiamo in crescita costante dal '98 e per quest'anno prevediamo di consolidare i risultati del 2007». Si è chiuso con un fatturato di circa 50 milioni il bilancio di Tosca Blu che prevede di crescere del 20% quest'anno e che esporta il 50% soprattutto il Russia e Medio Oriente dove intende aprire nuove boutique (a San Pietroburgo, Mosca, Belgrado, Kuwait City, Beirut, dopo quelle appena aperte a Istanbul e Omsk). Mentre in Italia aprirà l'undicesimo monomarca a Roma e un nuovo showroom in via Montenapoleone a Milano.




Comunicati su:
[ Americhe ] [ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Medio Oriente ] [ Russia ] [ Unione Europea ] [ USA ]

Rassegna Stampa su:
[ Americhe ] [ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Medio Oriente ] [ Russia ] [ Unione Europea ] [ USA ]

Interventi su:
[ Americhe ] [ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Medio Oriente ] [ Russia ] [ Unione Europea ] [ USA ]


- WebSite Info