sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 agosto 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> L'Opinione


NESSUNO TOCCHI CAINO INCONTRERA' JOSEPH KABILA

Alla vigilia dell’instaurazione del nuovo governo nella Repubblica Democratica del Congo, “Nessuno tocchi Caino” (la lega internazionale che si batte da ormai dieci anni contro la pena di morte) compirà dal 26 al 29 giugno una missione per chiedere al presidente Jospeh Kabila un gesto di clemenza nei confronti dei trenta uomini condannati a morte per l’assassinio di suo padre Laurent. La delegazione sarà composta da Sergio D’Elia ed Elisabetta Zamparutti, rispettivamente segretario e tesoriere di “Nessuno tocchi Caino”, e dall’ex commissario europeo Emma Bonino. La missione in Congo rientra in un progetto sostenuto dall’Unione Europea che ha come obiettivo l’approvazione alla prossima Assemblea Generale dell’Onu di una risoluzione per una moratoria universale delle esecuzioni capitali (dopo quella che il governo Berlusconi presentò nel 1994 e che venne respinta e che venne respinta con appena otto voti di scarto). Per Sergio D’Elia la battaglia contro la pena di morte – in Africa come altrove – “attiene alla lotta per la democrazia, i diritti umani e lo stato di diritto. Proprio per questo abbiamo deciso di sostenere il progetto di un’Organizzazione Mondiale della Democrazia promosso dal Partito Radicale Transnazionale”.





Altri articoli su:
[ Pena di morte ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Pena di morte ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Pena di morte ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info