sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


CARA SIGNORA VASSENA, ANCHE A ME SEMBRA UNA PESSIMA IDEA...

Cara signora Vassena, anche a me sembra una pessima idea quella della Fiera del libro a Francoforte di organizzare assieme alla Lega araba l’attuale edizione della Buchmesse che si aprirà domani. La Lega araba è l’organizzazione che tiene assieme i ventidue Paesi illiberali dell’area assecondandone in tutto e per tutto la non democraticità. E, a parte il fatto che cinque di questi Paesi (Algeria, Marocco, Iraq, Kuwait e Libia) si sono già tirati indietro, si può star sicuri che gli altri, sotto il patrocinio appunto della Lega araba, invieranno in Germania scrittori ossequiosi o al massimo "dissidenti di regime". Tahar Ben Jelloun in un’intervista a Die Zeit ha previsto che lì a Francoforte "sarà un coro di litanie in omaggio ai potentati arabi, come è del resto sulle pagine dei loro giornali ufficiali". Tutto ciò in un momento nel quale, invece, il Medio Oriente assiste a una fioritura di intellettuali che coraggiosamente hanno impugnato i vessilli della libertà e della democrazia anche a costo di finire in prigione (essendo poi difesi da pochissimi europei tra cui spicca un unico nome, quello di Emma Bonino). La situazione di uomini e donne di cultura in quest’area è particolarmente difficile. Un rapporto sulla libertà d’espressione nel mondo islamico redatto dall’Arab Human Development Report presentato ad Amman, in Giordania, riferisce che il numero dei libri stranieri tradotti nei Paesi arabi negli ultimi novant’anni (il 20 per cento dei quali sono opere monografiche a carattere religioso) è stato inferiore a diecimila, meno di quante sono le traduzioni pubblicate ogni anno in Spagna. I libri dati alle stampe ogni dodici mesi nei Paesi aderenti alla Lega araba sono in tutto ventimila - vale a dire meno di mille in ciascun Paese - mentre, per fare qualche raffronto, Italia e Francia ne pubblicano, da sole, il doppio e il Regno Unito sei volte tanto. D’altra parte il tasso di analfabetismo nei Paesi arabi è altissimo, in particolare tra le donne oppresse dalle più efferate dittature: sotto il regime di Saddam il 76,4 per cento delle irachene non ha mai imparato né a leggere né a scrivere (gli analfabeti maschi di quel Paese sono il 44,7 per cento). Ciò che ha indotto lo scrittore iracheno Hussain al Mozany a dire che prima di pretendere per il suo Paese una democrazia simile a quelle dell’Occidente si deve "procedere passo per passo, chiedere l’applicazione dei diritti umani, la liberazione della donna, l’apertura ai contatti con il mondo e soprattutto fare una grande campagna per l’alfabetizzazione". Invitare alla Buchmesse una battagliera rappresentanza degli scrittori coinvolti in questa particolarissima guerra per il riscatto democratico dei loro Paesi sarebbe stato un segno importantissimo di impegno al loro fianco da parte della Germania (e dell’Europa). Affidare il tutto alla mediazione della Lega araba conferma invece che la Germania (e l’Europa) quando è il momento di scegliere tra un modo - pur diverso da quello degli Stati Uniti - di battersi per la liberazione dei Paesi arabi dalla dittatura e un compromesso con le più o meno temperate satrapie al potere, optano per la seconda strada. Sempre.





Altri articoli su:
[ Iraq ] [ Islam e democrazia ]

Comunicati su:
[ Iraq ] [ Islam e democrazia ]

Interventi su:
[ Iraq ] [ Islam e democrazia ]


- WebSite Info