sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 settembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> ApCom


A ROMA, CONFERENZA "PIU' DIRITTI UMANI, PIU' SICUREZZA PER TUTTI"

Si √® svolta oggi a Roma la conferenza "Pi√Ļ diritti umani, pi√Ļ sicurezza per tutti - I casi Mozambico, Balcani, Afghanistan", organizzata dalle Agenzie dell'Onu e dagli organismi internazionali nell'ambito delle "Giornate per la cooperazione italiana", promosse dalla Direzione generale per la Cooperazione allo sviluppo del ministero degli Affari Esteri. Nei loro interventi di apertura, il presidente della Sioi (Societ√† italiana per l'organizzazione internazionale), Umberto la Rocca, e il rappresentante in Italia dell'Unhcr (Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati) hanno sottolineato la necessit√† di promuovere e sostenere progetti a favore del rispetto dei diritti umani, dello sviluppo sostenibile e della creazione di istituzioni democratiche. Tutto ci√≤ nella convinzione che tali processi possano contribuire a creare maggiore stabilit√† e sicurezza a livello globale e a ridurre gli spostamenti di popolazione. Il Direttore generale per la Cooperazione allo sviluppo, Giuseppe Deodato, ha sottolineato come nelle tre aree in discussione si sia passati da programmi di emergenza a quelli di consolidamento istituzionale, volti a creare condizioni di sviluppo. In Mozambico, nel 2003 √® stato avviato un programma di riforma della giustizia minorile, con il sostegno del governo locale. Nei Balcani, alla ricostruzione post-bellica degli anni novanta √® seguita la fase di consolidamento delle istituzioni locali, con attenzione particolare allo sviluppo delle risorse umane. In Afghanistan, il governo italiano √® impegnato nel progetto della riforma giudiziaria, mentre la Cooperazione italiana si occupa in modo specifico di riformare la giustizia minorile. Il sottosegretario agli Affari Esteri, Alfredo Mantica, ha sottolineato come il Mozambico possa essere presentato come modello di Paese virtuoso, dove "abbiamo dimostrato che si pu√≤ costruire una realt√† nuova se si pongono come precondizioni la pace e la stabilit√†, insieme a democrazia e rispetto dei diritti umani". Il Mozambico √® il Paese che pu√≤ dirsi "certamente un successo", ha detto l'attuale rappresentante Ue per i Grandi Laghi, Aldo Ajello, e gi√† rappresentante speciale dell'Onu in Mozambico, ottenuto grazie al "forte desiderio di pace" della sua popolazione, al "ruolo fondamentale svolto dall'Italia", a un "processo di pace guidato dall'Onu" e a un "ruolo chiaro della comunit√† internazionale". Non si √® potuto affermare altrettanto, invece, per quanto riguarda la regione dei Balcani, "un'area ancora fragile, esposta a rischi di instabilit√†", stando a quanto dichiarato dal vice presidente della Commissione affari Esteri della camera, Umberto Ranieri, gi√† sottosegretario agli Affari Esteri con delega per i Balcani durante il governo D'Alema. Ranieri ha voluto sottolineare in particolare come non sia "emerso un orientamento definitivo della comunit√† internazionale sulla questione Kosovo", su cui sar√† chiamata a pronunciarsi il prossimo anno. Lo stesso Vice rappresentante speciale del Segretario generale Onu in Kosovo, Pascal Fieschi, ha ammesso come la questione Kosovo sia stata messa da parte per poi tornare tragicamente alla ribalta lo scorso marzo. Infine la grande sfida dell'Afghanistan, un paese uscito da decenni di conflitti e dal regime talebano, che poneva "un problema istituzionale" alle organizzazioni che gestivano gli aiuti umanitari, per l'impossibilit√† di operare "nel rispetto delle convenzioni di Ginevra", come sottolineato dal parlamentare europeo, Emma Bonino. "Gli aiuti umanitari, diversi dagli aiuti allo sviluppo, devono essere attuati secondo le convenzioni di Ginevra - ha detto Bonino - perch√© senza democrazia non c'√® sviluppo".





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Ex-Jugoslavia ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Islam e democrazia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Ex-Jugoslavia ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Islam e democrazia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Ex-Jugoslavia ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Islam e democrazia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info