sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


PANNELLA VA IN CAMBOGIA PER AIUTARE I MONTAGNARDS

Il leader radicale accusa Hanoi e Phnom Penh di violare i diritti umani. Appello all'Onu: devono essere trattati da rifugiati. di Livia Michilli ROMA - E' arrivato in Cambogia ¬†proprio mentre lo tsunami seminava ¬†morte e distruzione nella vicina Thailandia. Marco Pannella ¬†aveva programmato di passare le vacanze in Israele ma all'ultimo minuto ha cambiato idea: ¬ęHo preferito venire qui, da solo e all' improvviso, per capire bene cosa ¬†sta succedendo", spiega ai microfoni ¬†di Radio radicale e non si riferisce alle devastazioni del maremoto, che laggi√Ļ non √® arrivato. ¬†Pannella parla di rispetto dei diritti ¬†civili e politici, promozione della ¬†democrazia e soprattutto tutela ¬†dei profughi Montagnard in fuga ¬†dal Vietnam per le persecuzioni ¬†del governo di Hanoi. Vorrebbero ¬†tornare nelle loro terre, gli altopiani, e per questo hanno chiesto ¬†l'intervento dell'Alto commissariato ¬†Onu per i rifugiati. IL VIAGGIO ‚ÄĒ A Phnom Pehn c'era stato l'ultima volta un anno e mezzo ¬†fa, in occasione delle elezioni politiche che riconfermarono al governo l'ex comunista Hun Sen, leader del Partito del popolo cambogiano, il Ppc. L'esito del voto, ¬†secondo Pannella, fu condizionato ¬†da una campagna elettorale sleale ¬†e non democratica. ¬ęI due si incontrarono ¬†e parlarono a lungo racconta il segretario dei Radicali italiani, Daniele Capezzone ‚ÄĒ. Hun Sen aveva promosso una riforma ¬†della legge elettorale che faceva ¬†ben sperare ma che evidentemente ¬†√® rimasta sulla carta¬Ľ. Stavolta ¬†l'incontro col primo ministro ¬†non ci sar√†, Pannella ha visto invece molti esponenti dell'opposizione, in primis Sam Rainsy, leader ¬†dell'omonimo partito che alle passate elezioni dette filo da torcere ¬†al Ppc. L'estate scorsa, Pannella ¬†ed Emma Bonino hanno rivolto due interrogazioni alla Commissione ¬†europea per denunciare "la deriva antidemocratica delle istituzioni cambogiane‚ÄĚ e ‚Äúla violazione ¬†dei diritti umani fondamentali" . Soprattutto, viene sottolineato il mancato riconoscimento dello status di rifugiato ai profughi Montagnard. ¬† VIETNAM ‚ÄĒ Li chiamano ¬ęfigli delle montagne¬Ľ perch√© da secoli abitano ¬†gli altopiani centrali. Per la maggior parte formata da cristiani ¬†protestanti, questa minoranza viene perseguitata da decenni, da quando, durante la guerra del Vietnam, si schier√≤ al fianco degli Stati Uniti nel tentativo di creare uno Stato autonomo: allora erano ¬†circa due milioni, oggi sono poche ¬†decine di migliaia. ¬ęE' gente ¬†che viene espropriata delle sue terre, che fugge da violenze e torture ¬†di ogni genere¬Ľ, racconta Marco Perduca, rappresentante all'Onu del Partito radicale transnazionale. L'ultima, violenta repressione ¬†risale alla scorsa primavera, durante le festivit√† pasquali: il governo comunista di Hanoi ¬†us√≤ il pugno di ferro per disperdere ¬†una manifestazione pacifica contro l'assenza di libert√† religiosa ¬†e poi imped√¨ l'accesso alla zona degli altopiani, divieto rimosso solo ¬†dopo le pressioni della comunit√† internazionale. L'allora ministro degli Esteri Franco Frattini convoc√≤ l'ambasciatore vietnamita, i Radicali promossero in Parlamento ¬†la presentazione di una mozione per sollecitare l'intervento ¬†del governo. Della vicenda dei Montagnard si √® occupato anche Gianfranco Fini: durante il summit dell'Asem tenutosi lo scorso ottobre proprio in Vietnam, chiese ¬†ad Hanoi di consentire alle autorit√† internazionali di verificare ¬†l'assenza di violazioni dei diritti umani. ¬† L'ONU ‚ÄĒ Gli scontri di aprile provocarono ¬†morti, feriti e un'ondata di profughi in fuga verso la Cambogia. Nei giorni scorsi Pannella ha ¬†visitato quelli che si trovano a Phnom Penh, ma la maggior parte √® ammassata nei campi lungo il confine. ¬ęIl governo cambogiano li ¬†tratta da immigrati illegali, li spedisce negli Stati Uniti o li riconsegna ¬†alle autorit√† di Hanoi ‚ÄĒ spiega ¬†Perduca ‚ÄĒ. I Montagnard vorrebbero ¬†invece tornare nelle loro terre ma senza subire pi√Ļ persecuzioni ¬†politiche, sociali e religiose¬Ľ. Chiedono di rientrare in Vietnam con la garanzia di una presenza internazionale ¬†che li protegga, per questo si sono rivolti all'Alto Commissariato ¬†Onu per i rifugiati, esortando i Radicali a farsi ambasciatori ¬†della loro istanza. Pochi giorni fa Pannella, insieme a Emma ¬†Bonino, ha inviato una lettera al commissario Ruud Lubbers e ora spera di poter affrontare la questione con i funzionari Onu a Phnom Penh.





Altri articoli su:
[ Cambogia ] [ Vietnam ] [ ONU e OMD ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Cambogia ] [ Vietnam ] [ ONU e OMD ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Cambogia ] [ Vietnam ] [ ONU e OMD ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info