sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 agosto 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> ApCom


LEADER OPPOSIZIONE NOUR SI RIFIUTA DI PAGARE CAUZIONE

"Ayman Nour si è rifiutato di pagare la cauzione e il procuratore deve ora riconsiderare l'importo della cauzione", ha dichiarato l'avvocato di Nour, Amir Salem, sottolineando che il suo assistito si è rifiutato di lasciare la prigione alle condizioni poste dal procuratore. "Secondo Ayman si tratta di un processo politico e non deve pagare per la sua liberazione", ha aggiunto l'avvocato. Questa mattina, il procuratore generale Maher Abdel Wahed ha ordinato il rilascio di Nour dietro il pagamento di una cauzione di 10.000 pound egiziani (1.285 euro). Il leader dell'opposizione è stato arrestato lo scorso 29 gennaio con l'accusa di aver presentato firme false per la registrazione del suo partito al Ghad. Tuttavia non è stato formalizzato finora alcun capo di accusa nei suoi confronti. L'arresto di Nour ha suscitato proteste da parte degli Stati uniti, che hanno invitato il Cairo a liberare il detenuto. Il segretario di Stato Usa, Condoleezza Rice, aveva posto la liberazione di Nour come condizione per la propria partecipazione al meeting dei ministri degli Esteri della Lega Araba e del G8 in Egitto. Mubarak aveva replicato affermando che "l'Egitto respinge qualunque ingerenza estera nell'autonomia della giustizia egiziana, nota per la sua correttezza e neutralità", e annullando il vertice. Nour si è candidato alle prossime elezioni presidenziali egiziane, previste per settembre. Oltre a Nour, i candidati alla presidenza sarebbero già tre: la scrittrice e attivista per i diritti della donna Nawal Al Sadawi, il giornalista Mohammed Hasanain Haikal e l'attivista per i diritti dell'uomo, Saad Al Din Ibrahim. Il presidente egiziano Hosni Mubarak ha presentato una proposta di legge al parlamento per riformare l'articolo 76 della costituzione egiziana e permettere ad altri candidati a partecipare alle elezioni.





Altri articoli su:
[ Egitto ] [ Islam e democrazia ] [ Ayman Nur ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]

Comunicati su:
[ Egitto ] [ Islam e democrazia ] [ Ayman Nur ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]

Interventi su:
[ Egitto ] [ Islam e democrazia ] [ Ayman Nur ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]


- WebSite Info