sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 agosto 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> ApCom


EGITTO/ LIBERAZIONE NOUR, LA SODDISFAZIONE DELLA BONINO

"Il capo della delegazione egiziana al forum euromediterraneo - durante la sessione plenaria del comitato politico- ha annunciato che Ayman Nour è stato liberato su cauzione, con diecimila pound egiziani di cauzione". Lo ha annunciato quest'oggi alle 12 circa Emma Bonino - in un collegamento in diretta dal Cairo con Radio Radicale. La notizia della liberazione di Nour, poi diffusa anche dall'agenzia di stampa egiziana Mena, è stata più volte auspicata dal Parlamento europeo. "Siamo tutti molto contenti" - ha spiegato la Bonino in un comunicato diffuso da Radio Radicale - perché su questa vicenda si era mosso tutto il Parlamento Europeo, si era mossa la delegazione del Forum euromediterraneo, si erano espressi parlamentari come Pasqualina Napoletano ed Edward McMillan Scott. Sono contenta perché ancora questa mattina gli europei hanno tenuto il punto, anche rispondendo ad una presa di posizione delle delegazioni arabe, che ci avevano chiesto di non intervenire negli affari interni dei loro Paesi". "Proprio stamane avevamo fatto una nuova richiesta per poterlo visitare in carcere. Lo incontreremo invece a casa sua, vedremo le sue reazioni. Intanto siamo davvero felici - ha concluso l'europarlamentare radicale - anche perché siamo certi che stavolta le pressioni abbiano davvero contato". Anche Pasqualina Napoletano, pure presente questa mattina alla sessione plenaria del comitato politico del Forum Euromediteranneo al Cairo, ha definito "un atto importante nel suo significato" la liberazione di Nour. "In genere - ha spiegato l'eurodeputata diessina - le autorità di questi Paesi, anche quelle egiziane, non sfuggono alla regola che non vogliono perdere la faccia. E tutti infatti ci dicevano che sì, magari Nour sarebbe stato liberato, ma non mentre le delegazioni europee erano presenti al Cairo. Noi abbiamo deciso di venire comunque, e abbiamo deciso di non accettare la regola del silenzio". "Alla fine credo - ha concluso la Napoletano - che questo abbia aiutato la soluzione di questa vicenda".





Altri articoli su:
[ Egitto ] [ Islam e democrazia ] [ Ayman Nur ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]

Comunicati su:
[ Egitto ] [ Islam e democrazia ] [ Ayman Nur ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]

Interventi su:
[ Egitto ] [ Islam e democrazia ] [ Ayman Nur ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]


- WebSite Info