sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 dicembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


"GLI USA HANNO RAGIONE, LA DEMOCRAZIA BATTE IL TERRORISMO"

l direttore del quotidiano indipendente dell'Egitto di Monica Ricci Sargentini Venezia - "Voi europei non riuscite a capire che l'unico vero modo per combattere il terrorismo è promuovere la democrazia nel mondo arabo, come stanno facendo ora gli Stati Uniti. Invece vi ostinate a stringere accordi con i dittatori. Io vi dico una cosa. Di sicuro Al Qaeda non è frutto della guerra in Iraq. E l'Iraq è l'unico Paese dell'area che sta andando verso la democrazia". Hisham Kassem è il battagliero direttore di Al Masri Al Youm, l'unico quotidiano indipendente esistente in Egitto. Quando lo ha fondato nel 2003 nessuno era pronto a scommettere sulla sua sopravvivenza. Per farcela, ha accettato anche un contratto pubblicitario con una ditta produttrice di birra, affrontando le ire di alcuni suoi redattori fedeli ai precetti dell'Islam: "Uno dei miei giornalisti — dice scrollando le spalle — si e addirittura licenziato". Paladino dei diritti umani e acceso sostenitore delle riforme politiche in Egitto, Kassem ieri era al Lido di Venezia per coordinare un forum sull'"Accesso ai media da parte dei partiti politici e della societa civile", organizzato da "Non c'è pace senza giustizia" nel monastero di San Nicolò, presenti 80 rappresentanti di Paesi del Medio Oriente. Ma il pensiero di tutti è inevitabilmente puntato su Londra. Come possono dei giovani musulmani perfettamente integrati in un Paese occidentale improvvisarsi terroristi? "La colpa e di certi libri che predicano la Jihad. Penso a Milestones ('Pietre miliari', ndr) di Said Qutb. E' questa letteratura che crea il terrorismo. I giovani la trovano e ne vengono stregati". Eppure c'è chi parla di scontro di civiltà. Di una guerra santa per islamizzare l'Occidente. "Guerra santa? — s'inalbera — No. Una cosa è la Jihad, una cosa lo scontro di civiltà. Non posso negare che ci sia il tentativo da parte di alcune comunità musulmane che vivono in Occidente di imporre l'Islam a tutti. Ma non sono questi i terroristi". Kassem riassume la sua filosofia in due parole: "La legge e legge". Se in Francia è vietato il velo a scuola, bisogna adeguarsi. "Altrimenti fai le valigie e te ne vai. Se un quartiere musulmano in Europa decide di vietare l'alcool sta alla polizia di quel Paese far rispettare la legge". Altra cosa il terrorismo. "E' un problema di sicurezza, chiaro e semplice. C'è un network che si chiama Al Qaeda che ha perso totalmente il contatto con la realtà e porta avanti un piano di terrore reclutando giovani che sono dentro l'Europa e usandoli come cavalli di Troia. Un piano che va contro il mondo islamico. Sono anni che Al Qaeda si prepara, ben prima dell'11 settembre, ma il mondo non se ne e voluto accorgere. Ora sta alla poilzia, ai servizi segreti combatterla esattamente come ha fatto l'Egitto con l'estremismo islamico".





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Egitto ] [ Iraq ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Egitto ] [ Iraq ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Egitto ] [ Iraq ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]


- WebSite Info