sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Adnkronos


IRAQ: BONINO, NON SEMPRE LA SHARIA E' INTEGRALISTA, MA ORA A BAGDAD TEMO PER LE DONNE

''La Sharia nella Costituzione irachena? Ho due tipi di reazioni: da una parte ricordo con forza che l'Islam differisce assai dall'unica interpretazione che alcuni ne danno, quella di una religione sempre e comunque 'talebana' e oscurantista. Dall'altra condivido la preoccupazione di molti: la Sharia nella Costituzione irachena puo' essere utilizzata per una manipolazione dell'Islam che rallenterebbe il processo democratico e potrebbe limitare i diritti civili del popolo iracheno, innanzitutto quelli delle donne''. Lo afferma Emma Bonino, inviata dell'Ue in Afghanistan, che in un'intervista a 'La Repubblica' valuta i pericoli di una Repubblica islamica in Iraq. ''Khomeini -spiega l'esponente radicale- rovesciando la storia precedente costrui' in Iran con la rivoluzione un ruolo forte per la gerarchia sciita nella religione e nella gestione dello Stato. Ma io sono ancora convinta che questo non sia l'obiettivo di Sistani, degli sciiti iracheni: loro non hanno mai sposato il modello della teocrazia khomeinista. Per cui secondo me il braccio di ferro sulla sharia e' da mettere in relazione anche agli altri punti di contrasto''. Per esempio il federalismo che, secondo Bonino, ''e' il capitolo che provoca piu' allarme in tutta la regione, in tutto il Medio Oriente''. ''Una delle questioni piu' delicate in discussione -incalza l'inviata Ue in Afghanistan- e' la gestione delle risorse economiche. Se verranno affidate ai consigli locali, i curdi gestiranno i soldi che derivano dallo sfruttamento dei pozzi nel loro territorio. E gli sciiti faranno altrettanto al Sud. Per questo e' importante anche l'articolo della Costituzione che prevede che entro un certo periodo i curdi che vennero espulsi da Saddam Hussein possano ritornare a Kirkuk''. Cosi' come e' importante, aggiunge la Bonino, ''che Kirkuk sia assegnata o meno alla regione curda, e per questo ieri gli arabi di Kirkuk hanno protestato contro il federalismo''. ''Mi sono battuta - ricorda l'inviata Ue - per l'esilio di Saddam, non per la guerra. Adesso che la guerra e' stata combattuta, sarebbe irresponsabile lasciare il paese, anche per questo, anche per non consolidare un regime integralista. Per favorire una democratizzazione dell'Iraq, per favorire un Islam democratico''. Ma attenzione, avverte Bonino, perche'? ''non serve esportare o imporre la democrazia. A volte basterebbe semplicemente favorirla, sostenere con forza i movimenti democratici, le parti che rispettano la democrazia e i diritti umani -conclude l'esponente radicale- Anche in Iraq questo puo' essere il percorso da seguire, noi europei con gli americani''.





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Egitto ] [ Iran ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Egitto ] [ Iran ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Egitto ] [ Iran ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ ]


- WebSite Info