sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


POLITICA DEI VALORI E TEMI CONCRETI

Le novità del congresso radicale di Gianni Riotta Chiassosi, imprevedibili, ingovernabili. irriducibili, petulanti, profeti, mosche cocchiere, grilli parlanti: riecco i radicali. Il congresso che riconduce la formazione di Marco Pannella, Emma Bonino e Daniele Capezzone dagli anni del fiancheggiamento del centrodestra al nuovo soggetto con i socialisti e all'alveo del centrosinistra, libera fermenti interessanti nel grigiore della politica italiana. Non si tratta di condividere, in tutto o in parte, le campagne, le crociate o le ossessioni degli uomini e delle donne con la rosa nel pugno. Tanti italiani stentano a sintonizzarsi nel rumore di fondo delle loro perenni mobilitazioni, ricordando spiacevolmente echi crotteschi di gesti plateali e superflui. E' però salutare rimettere in circolo idee concrete, scelte reali, dibattiti vividi al posto del solito ruminare da talk show. Un sì o un no al mercato e ai servizi moderni, un si o un no alla circolare Bolkestein per sveltire l'economia, un sì o un no alla ricerca scientifica, un sì o un no alla tradizione laica. Comunque vi schieriate su questi crucialì temi, l'enzima radicale vi spinge a riflettere, decidere, agire. E sarà salutare per l'Unione del centrosinistra, intenta ad una lunga campagna elettorale e ad un'urgente meditazione dì programma, accogliere al proprio interno queste sollecitazioni, che disinfettano dai virus della burocrazia ed eliminano i batteri della pigrizia intellettuale. Così, mentre il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sì produceva nel goffo giro di valzer sulla guerra in Iraq, cercando insieme la benedizione di Bush e la riappacificazione con la base neutralista in Italia, è la Bonino a porre all'Unione la questione morale del «che fare a Bagdad?». Forte dell'esperienza umanitaria, dalla Commissione europea all'Afghanistan, dal Sudan alla battaglia democratica in Egitto, la Bonino ricorda di essere stata contraria all'attacco al regime di Saddam Hussein, ma chiede in mano a chi si lascerebbe quel tormentato Paese, se la coalizione, italiani inclusi, si ritirasse all'unisono. Fu questa la scelta del premier spagnolo Zapatero; è questo il sentimento che un libro parigino attribuisce al premier francese de Villepin, «preoccupato» che la vittoria Usa «renda ridicola la Francia». Ma il ritiro generalizzato, secondo la Bonino, consegnerebbe l'Iraq «ai tagliatori di teste e alla guerra civile». Non è vero che Washington tifi per la rielezione di Berlusconi: certo chiederà con - apprensione di restare ancor più isolata - all'eventuale governo di Romano Prodi come intenda onorare gli impegni dell'Italia nel peacekeeping in Iraq. Che l'Unione ieri parlasse di «ritiro unilaterale» e oggi di un più raziocinante «calendario» di rotazione delle truppe è segnale nella direzione opportuna. Volta a volta, le forze del centrosinistra si sentiranno alleate o nemiche dei radicali. I cattolici dissentiranno su genetica e rapporti con il Vaticano, temi apprezzati invece da socialisti e comunisti, ma si ritroveranno su aiuti all'Africa e ai Paesi poveri. I riformisti dei Ds concorderanno sulle posizioni atlantiche e sulle riforme economiche, la sinistra pacifista troverà le scelte su Bagdad e Kabul nefaste, ma l'impegno per i diritti delle donne musulmane riporterà i suoi conensi. Ben venga questo aperto confronto su autentiche questioni, grazie a chi sa anteporre valori, anche controcorrente, all'ubiquità dell'opportunismo.





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Egitto ] [ Iraq ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Egitto ] [ Iraq ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Egitto ] [ Iraq ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info