sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


TESTAMENTO BIOLOGICO, PACS E 194 LO SDI E I RADICALI INCALZANO PRODI

Il Corriere della Sera - 4 dicembre 2005 Boselli e Bonino: questi temi devono entrare nel programma. La sponda di Angius (Ds): sono d'accordo e vi sosterrò di Lorenzo Salvia ORVIETO — Il «minimo sindacale» lo definisce Enrico Boselli. «L'armamentario indispensabile per rispondere al clerical harassment», cioè alle molestie clericali ci scherza sopra (ma non troppo) Emma Bonino. Nella sostanza, però, le due anime della Rosa del pugno, la nuova alleanza fra SDI e Radicali, sono d'accordo sui tre punti «eticamente sensibili» che «devono entrare nel programma dell'Unione». Anche il capogruppo ds al Senato, Gavino Angius, si dice favorevole. In attesa di domani, quando Romano Prodi aprirà il seminario di Perugia, è sempre in Umbria che l'Unione prova a sciogliere i nodi del programma: qui ad Orvieto dove è in corso il quarto congresso dell'associazione Luca Coscioni per la libertà scientifica. I TRE PUNTI — Sono l'impegno a non modificare la legge sull'aborto; i pacs che garantiscono alle coppie di fatto (omosessuali e no) una parte dei diritti del matrimonio; il testamento biologico, cioè le indicazioni che il paziente dà al medico in caso di malattia che comporta l'incoscienza. «Non pretendiamo — dice Bonino che l'Unione condivida altre battaglie come quella per l'eutanasia su cui comunque rivendichiamo la nostra libertà di campagna. Ma sarebbe un problema far parte di una coalizione che non riesce a impegnarsi su temi che hanno visto aperture anche da parte dei cattolici». «Senza queste tre promesse avverte Marco Cappato che dell' associazione Luca Coscioni è il segretario — il centrosinistra le elezioni le perderà». BOSELLI E LA MARGHERITA — Da Orvieto parte il nuovo duro attacco alla Margherita da parte di Boselli, che domani non sarà con Prodi al seminario di Perugia per protestare contro il mancato invito dei Radicali. «La Margherita — dice Boselli — è parte integrante di quel fronte cattolico integralista che fa interdizione su tutte le questioni morali. Ha subito una vera e propria mutazione genetica: due anni fa era il prototipo dell'ulivo come luogo di confronto, oggi è il simbolo del centro cattolico. E' chiaro che su queste badi il partito democratico non si può costruire". ANGIUS E L'EUTANASIA — Sulle tensioni con la Margherita, Angius usa invece parole ecumeniche: «Dobbiamo capire la fecondità della diversità, non possiamo risolvere tutto dentro il programma». Tuttavia sulle tre proposte della Rosa ll suo impegno è preciso: «Personalmente sono d'accordo su tutti e tre i punti e mi adopererò perché siano inseriti nel programma». Non potrebbe essere diversamente viste le parole che ha appena pronunciato dal palco del congresso raccontando la morte di una persona di 84 anni ridotta a un vegetale dopo un ictus «Le gambe andarono in cancrena, i medici chiesero al figli se dovevano amputarle ma loro non sapevano che fare. Per fortuna quell'uomo mori. Era mio padre». Nella foto: un manifesto dello SDI per la campagna sulle coppie di fatto e i PACS





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info