sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 maggio 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Diva e Donna


IL MODELLO ITALIA CONTRO LO TSUNAMI

Diva e Donna - 11 gennaio 2006 In missione in Sri Lanka, la Bonino assicura: "I soldi italiani sono stati spesi bene" di Flora Lepore Colombo - "I soldi erano tanti, ma sono stati spesi bene", dice Emma Bonino ancora nello Sri Lanka quando la raggiungiamo per farci raccontare cosa ha visto con i suoi occhi a un anno dallo tsunami che lo scorso dicembre colp√¨ dodici paesi affacciati sull'Oceano Indiano. A Colombo, la capitale, si √® recata nella sua veste di coordinatrice del Comitato dei Garanti (gli altri due in viaggio con lei sono l'ex premier Giuliano Amato e Andrea Monorchio) che doveva verificare lo stato di avanzamento dei progetti di ricostruzione finanziati con le donazioni dai cittadini italiani, ammontanti a una cifra senza precedenti, pari a oltre 47 milioni di euro. "Tutto procede e questa √® la cosa pi√Ļ importante. Non dico che l'intervento italiano sia il solo modello da seguire, ma di sicuro √® un esempio per tutti per l'efficacia e la flessibilit√† con cui √® stato attuato. Si sono potuti spostare i soldi da un progetto all'altro quando ce n'era bisogno e cos√¨ i tempi della ricostruzione sono risultati velocizzati. Mi sento veramente di dare la mia fiducia a tutti gli operatori". Qual √® la situazione che ha valutato di persona? "Per quello che riguarda la mia missione di controllo, ho potuto verificare che gli oltre 40 progetti avviati, 19 dalle Ong e gli altri dalla Protezione Civile, stanno rispettando i tempi previsti. Sono stati ricostruiti i villaggi dei pescatori, gli ospedali, i centri di accoglienza. Le preoccupazioni nascono altrove". Che cosa vuol dire? "Che nella zona a nord-est del paese c'√® un'angosciante situazione dal punto di vista politico. L√¨ c'√® uno stato di guerra latente. Proprio ieri, nella penisola di Jaffna, un attentato della guerriglia contro i militari ha provocato dieci morti, mentre nelle ultime settimane si sono susseguiti parecchi assassini di origine "politica". L'ultimo, quello durante la Messa di Natale, del deputato del partito di alleanza nazionale Tamil Joseph Pararajasingam". Chi sono i contendenti? Sembra che l'esercito debba fronteggiare le tigri Tamil che rivendicano una zona indipendente nel nord-est fin dall'83. "Non si capisce bene chi combatte contro chi. La tensione maggiore mi sembra sia quella generata dalla contrapposizione fra i Tamil e la popolazione musulmana, tensione esaltata dalla presenza massiccia e molto evidente dell'esercito che ha istituito dovunque molti posti di blocco. Tutto ci√≤ genera paura negli abitanti. L'altro giorno c'√® stata anche una serrata totale degli uffici ed esercizi pubblici. In questo clima i nostri progetti di aiuto e di ricostruzione di scuole e ospedali subiscono un rallentamento e rallentano ancora di pi√Ļ rispetto al previsto, se si tiene conto che una delle zone scelte per gli interventi √® in un territorio acquitrinoso, di per s√© impervio e difficile da raggiungere, situato a 14 ore di viaggio in macchina dalla capitale Colombo. Cominciano anche ad avere il loro peso problemi legati alla minore sicurezza di quei posti. Due Ong di Intersos l√¨ impegnate si sono dovute ritirare per questo motivo". Lo tsunami non √® stata che una ulteriore tragedia per quei popoli... "Se arriva la guerra sar√† peggio, questo √® sicuro". Che cosa l'ha commossa di pi√Ļ nel suo viaggio? "Vedere i ragazzini con la cartella e la divisa tornare a scuola. Questo mi ha fatto pensare a un nuovo inizio, a una speranza vera per quella gente. Era il segno del futuro che si apre davanti alle famiglie". Lei ha potuto verificare se fossero vere le voci che parlano di una tratta dei bambini subito dopo lo tsunami? "Non ne ho idea, non lo so. Non ho potuto approfondire questo aspetto che non rientrava nella mia missione". Che cosa pu√≤ dire agli italiani che hanno dato prova di grande generosit√† verso le popolazioni vittime della devastazione? "Che possono essere orgogliosi di quanto √® stato fatto l√¨ e contenti di questa operazione collettiva riuscita. Voglio augurarmi che sia lo sprone a non fermarsi, a contribuire anche per altre emergenze come la ricostruzione nel Pakistan dopo il terremoto".





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Asia ] [ Sri Lanka ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Asia ] [ Sri Lanka ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Asia ] [ Sri Lanka ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info