sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Foglio


L'ECCEZIONALISMO ITALIANO

Il Foglio - 4 febbraio 2006 Bonino protesta: per stupefarsi, impillolarsi, clonare, divorizare-lampo bisogna andare all'estero. Eco protesta: l'Italia torna indietro verso la sua fatale arretratezza. Siamo diventati un'eccezione. Buona o cattiva? Roma. Sembra sempre che non sia cambiato niente, e niente sembra vero. Tutto assopito nella dolce vita della politica, tutto giocato addosso a un premier allegramente surreale che si definisce in tivù "la persona più realista che conosco", oltre che "liberale di sinistra". Un lieve galleggiare dentro le tendenze altrui, aspettando di diventare inglesi, e creare bambini-farmaco, o francesi, e abbuffarci di pacs e di diritti paterni alle madri lesbiche fecondate artificialmente da anonimi svedesi. Tuttavia i sintomi di contraddittorio, di breccia nella noiosa piattezza della visione neosecolarista che tutto divora, ci sono. Spuntano, si nascondono nelle critiche e nei sondaggi, non vorrebbero ma dicono molto di un'Italia che ha creato qualcosa, magari senza elaborarlo, magari suo malgrado, certo non una right nation ma un posto simpatico dove a volte succede l'impensabile, dove in tre su quattro rispediscono al mittente il referendum contro la legge 40, dove la discussione intorno all'aborto si è trasformata da gioco di società in contraddittorio nazionale, dove (secondo quel famoso rapporto Eurostat di fine 2003, che spogliava nudo il mostro europeo, l'antisemitismo di sinistra) l'Italia arriva ultima tra gli stati che hanno paura di Israele e teme invece l'Iran, e non mette al primo posto gli Stati Uniti tra i paesi che minacciano la pace nel mondo (a differenza della Francia e dell'Inghilterra). Un'Italia che si specchia al contrario nell'ultimo libro di Umberto Eco, "A passo di gambero", e nella preoccupazione per la storia che, secondo Eco, sta tornando indietro. Ma se si guarda al rovescio, senza gli occhialetti nullisti in fondo così passati di moda, potrebbe essere vero il contrario. Esempio? L'aborto. "E' bastato che l'altra metà andasse al potere e quello che era ridotto a mugugno amareggiato ha trovato la forza di esprimersi — ha detto Eco all'Espresso —. Ed ecco che abbiamo un ministro della Sanità che.., pone in primo piano il problema di quattro pillole acquistate all'estero". Parlare, discutere, litigare, non dare più per scontato un aborto come contraccezione scacciapensieri, secondo Eco è il passo del gambero per "quattro pillole", ma è quel che accade e nessuno ci avrebbe scommesso. Altro esempio? La legittima difesa, il tabaccaio che può perfino difendere quel che ha. Secondo Eco, "il trionfo del borghese piccolo piccolo", quindi un paese che non applaude soltanto Thelma e Louise ma pensa che perfino il piccolo commerciante con la casetta in periferia abbia diritto a difendersi. Poi c'è stata la formidabile battuta di Emma Bonino sulle libertà personali da comprare all'estero: "Ormai per farsi uno spinello bisogna andare in Olanda, per abortire con la Ru486 bisogna andare in Svezia, per i Pacs in Francia e per la procreazione assistita in Spagna. Viene da chiedersi se è rimasta la libertà di respirare". E ha dimenticato il "diritto di morire", magari a dodici anni su ricetta genitoriale, garantito in Olanda. Basta ribaltare la battuta, ed ecco che l'Italia è talmente in ritardo su quel modello di modernità da risultare disinvoltamente più avanti, culturalmente più attrezzata: un luogo dove ci si sta chiedendo cosa è giusto, e se ha un senso. Un nuovo dato sull'aborto Ma c'è chi non se ne fa una ragione. Esce un sondaggio Eurispes, per esempio, molto strombazzato come prova di un'Italia graniticamente abortista. Ma, a leggerlo davvero, ci dice che il 78 per cento degli italiani non accetta (non accetta più) che una donna possa abortire perché così vuole. Ci dice che sono favorevoli all'aborto per cause economiche solo il 26,4 per cento degli italiani ed all'autodeterminazione della donna solo il 21,9 per cento. Un dato stupefacente, regolarmente rovesciato nei titoli letti in giro. Scollamento della coscienza del paese dalla chiesa? Un centrodestra provvisoriamente al potere che dà voce alle istanze reazionarie, fregandosene dell'umore popolare e delle manifestazioni che "escono dal silenzio"? Anche sui Pacs regnano l'imbarazzo e l'equivoco. I big dell'Unione non ne parlano volentieri, men che mai Romano Prodi, perennemente in confusione se lo costringono ad affrontare l'argomento. E si capisce. Se due italiani su tre, stando al sondaggio Eurisko (su Repubblica del 17.09.05), reclamano la possibilità di estendere ai conviventi parte dei diritti finora riservati alle coppie sposate, meno di uno su tre (il 31 per cento del campione interpellato) rimane della stessa idea nel caso di unioni tra persone dello stesso sesso. Ma se fosse l'Italia a fare scuola? Se quella che Eco e soci descrivono come la retroguardia oscurantista tra le nazioni dell'occidente illuminato, si rivelasse la più lungimirante di tutte? Il sospetto è lecito, a leggere un editoriale del New York Times di due domeniche fa, a firma di William Saletan: "E' ora che il movimento abortista dichiari guerra all'aborto", dice. E aggiunge che un politico liberal dovrebbe avere il coraggio di dire: "Io e anche i miei avversari siamo a favore della vita. Vogliamo evitare più aborti possibile. La differenza è che io ho fiducia nel fatto che le donne collaborino con me, il mio avversano no". Qui di Saletan non se ne vedono. In compenso c'è Monica Bellucci, che ancora si deve riprendere dalla sconfitta dei referendum e trova spazio sul quotidiano fondato da Antonio Gramsci per un vibrato j'accuse: "Saremo costretti a comprare le cellule staminali ed embrionali all'estero, guarderemo agli altri paesi che avanzano e noi restiamo indietro". Può sempre, all'occorrenza, rivolgersi alla boutique del dottor Hwang, l'ex eroe della donazione umana made in Corea che si è inventato tutto di sana pianta. Gridano all'attacco alla salute della donna anche gli ottantatré europarlamentari (non manca la Gruber) che ieri hanno denunciato le "ingerenze ecclesiastiche in Italia" per ostacolare l'adozione della pillola abortiva, definita "la forma meno intrusiva e traumatica di aborto". Anche loro fuori tempo massimo. Dopo, cioè, che la Food and drugs administration americana e il New England Journal of Medicine hanno diffuso l'allarme sui gravissimi pericoli per la salute della donna imputabili alla pillola abortiva. E dopo che l'argine italiano alla Ru486 trova emuli anche altrove (in Australia, per esempio, una serie di associazioni femministe, sicuramente indenni da influenze papaline, la scorsa settimana hanno organizzato una manifestazione contro la kill-pill). Ma l'eccezione Italia, ancora senza divorzio breve, senza pacs e con la legge 40, è davvero il passato che ritorna e il futuro che s'allontana, come sostiene Eco? Davvero gli appelli alla modernità, a quel "così fan tutti" che è stato la colonna sonora assordante nella campagna referendaria contro la legge 40 ha lasciato tre quarti dell'elettorato per via di una chiesa oppressiva e di un centrodestra gaglioffo e autoritario? L'inadeguatezza culturale Lo storico Ernesto Galli della Loggia pensa che "anche Eco ripropone la solita interpretazione del ritardo italiano come conseguenza di fattori storico ideologici, la vecchia litania di chi ci ricorda che non abbiamo avuto la Riforma protestante e la Rivoluzione francese ma ci sono toccati invece la chiesa cattolica, il fascismo e la Democrazia cristiana. L'Italia non sarebbe abbastanza moderna per questo. Ma il vero deficit di modernità lo scontiamo sulle istituzioni della vita collettiva, dalle ferrovie agli ospedali alle scuole, che non funzionano. Qualcosa cioè che dipende dal corporativismo italiano, scomodo da evocare perché coinvolge tutti, visto che ci sono dentro la sinistra, i sindacati, l'assistenzialismo". E poi gli italiani, "su certi temi sensibili non credono all'astrattezza dei puri principi (laici o cattolici) mentre sanno ben applicare il principio di precauzione". Sarebbe a dire che "sanno come una cosa proposta come buona possa produrre effetti contrari. Si difendono come possono dall'eterogenesi dei fini". Gian Enrico Rusconi, professore di Scienza politica presso l'Università di Torino, è invece convinto che "in Italia in realtà non siamo né moderni nè antimoderni. C'è piuttosto la scoperta dell'inadeguatezza di una cultura che per mezzo secolo ha governato l'Italia. Una cultura per metà progressista e per metà moderata, ora presa in contropiede da temi venuti alla ribalta improvvisamente, rispetto ai quali non disponiamo di codici di conoscenza ma di codici retorici, che non ci aiutano ad affrontare i problemi che chiamano in causa la natura, il corpo, la vita e la morte. A differenza di altri non vedo la volontà di un'azione politica diretta da parte della chiesa sulle questioni bioetiche. La chiesa, anzi, a volte non mi pare meno in imbarazzo del mondo laico, e lo dimostra il fatto che non fa più discorsi teologici ma solo morali".





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ RU486 ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ RU486 ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ RU486 ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info