sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


"VOTARE CANDIDATI ANTI-EMBRIONE? COMPLICITA' IN OMICIDIO"

Il Corriere della Sera - 1 marzo 2006 ntervento della Pontificia accademia per la vita. Critiche dalla Rosa nel pugno. «Votare a favore di un candidato le cui convinzioni non sono rispettose dell'embrione costituisce una complicità con l'omicidio di quest’embrione, e quindi una grave mancanza di carità». Un «avvertimento» duro quello lanciato ieri da Jean Marie Le Menè, membro della Pontificia Accademia per la vita, durante la tavola rotonda che ha concluso il convegno internazionale su «L'embrione umano nella fase del preimpianto», svoltosi in Vaticano. Un «avvertimento» che provoca le immediate reazioni soprattutto nella Rosa nel Pugno. «Spero che almeno questa volta a sinistra si reagisca contro questa dichiarazione assurda da parte della Chiesa», afferma Emma Bonino. «Se neanche di fronte a queste dichiarazioni - prosegue l'esponente radicale - la sinistra si alza in piedi per ribadire che c'e una libera Chiesa in libero Stato allora davvero non resta che ribadire viva l'abolizione del concordato!'». «Parole molto gravi», commenta l'ex ds Lanfranco Turci, ora nella Rosa nel Pugno: «Un conto - sottolinea - sono le parole del Papa che ha detto che l'embrione è vita e amore, e un conto è far discendere da questo l'idea che è un delitto votare per un candidato che deve, per forza, trovare una mediazione nell'attività normativa”. L'uscita di Jean-Marie Le Menè imbarazza anche Paola Binetti, presidente del comitato Scienza e vita e candidata «ruiniana» con la Margherita al Senato. «Nella sostanza ci sono affermazioni giuste e condivisibili - spiega - perché penso che la politica debba assumere un atteggiamento volto alla tutela della vita. Il tono, però, è cosi contundente che non facilita la comprensione del valore della vita come punto di unità tra persone di età diversa, di schieramenti diversi, di religione e di culture diverse». «A me sembra – conclude - che per quello che riguarda l'atteggiamento dei cattolici in politica, fermo restando che possono esprimere la libertà di essere nei diversi schieramenti, non c'era bisogno di questa affermazione».





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info