sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> ANSA


IRAQ: NASSIRIYA; BONINO, SUBITO GOVERNO IN PIENEZZA FUNZIONI NO 'MANUALE CENCELLI' NE' SOLITE VOCI PER 'RITIRO SUBITO'

ANSA - 27 aprile 2006 Subito un governo autorevole dell'Unione nella pienezza delle sue funzioni. No alle ''solite voci'' che chiedono il ritiro dall'Iraq, perché ''qualsiasi forma di disimpegno immediato significherebbe indebolire ulteriormente il processo di normalizzazione democratica dell'Iraq''. E' quanto afferma in una nota Emma Bonino, della segreteria della Rosa nel Pugno. ''Il mio pensiero e quello della Rosa nel pugno - dice l'ex commissario europeo - va innanzitutto ai tre militari italiani e un rumeno morti nell'attentato, ai loro commilitoni e ai loro familiari. L'ordigno esploso a Nassiriya contro il contingente italiano, come i proclami d'invasione jihadista nel Darfur, l'attentato di Dahab di qualche giorno fa e gli altri sanguinosi episodi che hanno colpito diverse regioni in questo ultimo periodo, dimostrano come il terrorismo fondamentalista non conosce frontiere geografiche ma e' un fenomeno globale che può colpire chiunque ed ovunque, e che va fronteggiato con determinazione in coordinamento con i partner europei ed internazionali''. ''Il dolore per le vittime e la gravità dell'attentato - aggiunge Bonino - non devono modificare la posizione di fondo assunta dall'Unione e delineata nel programma concordato e condiviso dalla coalizione prima delle elezioni. C'è da augurarsi che non si levino le solite voci chiedendo il ritiro subito. Qualsiasi forma di disimpegno immediato significherebbe indebolire ulteriormente il processo di normalizzazione democratica dell'Iraq, un processo che andrebbe invece accelerato sostenendo gli sforzi del nuovo premier incaricato al-Maliki''. ''Per questo - conclude l'esponente radicale - è essenziale evitare estenuanti e controproducenti trattative, per una volta lasciando da parte il ricorso a 'Manuali Cencelli' vari. Invece, occorre compiere un salto di qualità e procedere senza indugi alla formazione del nuovo governo dell'Unione che deve entrare subito nella pienezza delle sue funzioni, garantendo una guida autorevole, forte e alta per il paese''.





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Iraq ] [ Islam e democrazia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Iraq ] [ Islam e democrazia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Iraq ] [ Islam e democrazia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info