sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Foglio


IL SONNO EUROPEO

Il Foglio - 11 agosto 2006 Il ministro Bonino difende Israele e critica l'Eu che sottovaluta la minaccia del terrorismo. Roma. "Per fortuna √® stato sventato l'attentato, ma √® un bel 'reminder' che la minaccia terroristica c'√®". Emma Bonino, ministro per il Commercio internazionale e per le Politiche europee, dice al Foglio che per√≤ il campanello d'allarme suona soltanto quando la minaccia √® vicina: "Qualche settimana fa, ci sono stati pi√Ļ di trecentocinquanta morti in un attacco terroristico a Bombay, ma a parte la notizia data il primo giorno tutti se ne sono dimenticati". Eppure anche quell'episodio fa parte della guerra al terrore. "Il fatto che sia stato evitato l'attacco agli aerei da Heathrow significa che c'√® stata pi√Ļ sinergia e pi√Ļ coordinazione nelle varie intelligence, e questo √® un passo positivo", dice Bonino con un certo ottimismo, visto che proprio il ruolo dei servizi segreti in Europa ha scatenato molte polemiche, soprattutto per quanto riguarda i voli della Cia. Ma la tendenza a sottostimare la potenza del fondamentalismo √® comune nel nostro continente: "In Sinai, in India e poi in medio oriente: ci sono stati tanti episodi. C'√® uno schieramento esplicito, che dichiara il suo obiettivo, e poco importa che lo faccia per interposta persona, che sia Hezbollah o Hamas". Proprio per questo Marco Pannella e il Partito radicale transnazionale hanno convocato per domani una "grave conferenza stampa": "Sproporzionata apparve per il nostro ministro degli Esteri la 'reazione' di Israele, ma sproporzionata a che, di grazia?". La risposta, secondo Pannella, √® che "la replica delle due torri gemelle di New York sar√† Israele. Il 22 agosto, come ipotizza Bernard Lewis, l'11 settembre". Ma la capacit√† dell'Europa di reagire √® poca. Il Vecchio continente non sa parlare con una voce sola, subisce le derive nazionaliste, "un contro l'altro armato", dice Bonino. Che porta l'esempio della miopia europea sul tema dell'energia. "A giugno dell' anno scorso, durante la presidenza dell' Inghilterra, era stata fatta la richiesta di una Authority per l'energia, ma non √® neppure arrivata al Consiglio. Poi un giorno ci svegliamo e ci accorgiamo che la Russia, da cui dipendiamo, si √® fatta un bell'accordo sul gas con l'Algeria e cominciamo a preoccuparci". In questo modo non si va molto avanti, ma certo molto dipende anche dalla possibilit√† di diventare interlocutori credibili, in tutti gli ambiti. Bonino ricorda una frase che le piace molto, la pronunci√≤ John F. Kennedy: "L'America non negozia per paura, ma non ha mai paura di negoziare". Gli elementi di negoziazione devono essere chiari, e sono a maggior ragione importanti quando - come nel caso dell'energia, ma anche sulla questione del nucleare iraniano - si deve trattare con un colosso come la Russia, che ha un potere contrattuale alto e che ha una sua politica nei confronti di Teheran e del medio oriente affatto trasparente. "L'ipotesi dell'isolamento √® impossibile, anzi, quasi √® Mosca che isola noi, ma ci vogliono strumenti che facciano sentire i russi 'stakeholder' reponsabili", cio√® coinvolti. L'adesione alla Wto √® uno di questi elementi, ma lo stallo nei negoziati di Doha ne ha adombrato l'efficacia. "Ma Gerusalemme si dia un progetto politico" Le istituzioni internazionali sono, secondo Bonino, una variabile importante per conseguire molti obiettivi politici. Lo stallo al Consiglio di sicurezza con la risoluzione per il Libano non √® un bel vedere. Per chi, come il ministro per il Commercio internazionale non ama le soluzioni puramente militari, il silenzio della diplomazia lascia un p√≤ d'amarezza. "Ma Israele non ha altra scelta. Attaccati da nord e da sud, noi che faremmo? ‚ÄĒ chiede ‚ÄĒ Come ha detto anche Hillary Clinton, che cosa farebbe l'America se il Messico entrasse nel suo confine e facesse quel che ha fatto Hezbollah?". Certo, ci vuole cautela nella tattica, "ma loro (gli israeliani, ndr) stanno gi√† attenti, non √® certo un governo guerrafondaio". Dopo aver espresso la sua solidariet√†, Bonino per√≤ pone una domanda al governo di Gerusalemme: "Qual √® il suo progetto politico? Qual √® il soft power di un paese che vive in un contesto tanto ostile? Come pensa di sopravvivere?". Bonino una risposta ce l'ha da tempo: Unione europea, o Nato. Un'inclusione che potrebbe salvare Israele dalla solitudine. "Potrebbe essere diverso per tutti se a essere sotto attacco fosse un membro dell'Europa", dice, ed √® rassicurante credere alle sue parole.





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Israele ] [ Libano ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Israele ] [ Libano ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Israele ] [ Libano ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info