sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> La Repubblica


"EUTANASIA, DAL COMITATO SILENZIO SU WELBY"

La Repubblica - 5 dicembre 2006 Al via la Commissione del fine vita. Dopo la Bonino 500 in sciopero della fame. Anche Adriano Sofri aderisce all'appello dei radicali per staccare la spina. di Mario Reggio ROMA - L┬┤agonia di Piergiorgio Welby scuote le coscienze e alimenta le polemiche nel mondo politico. E s┬┤allarga il fronte delle adesioni alla mobilitazione lanciata dai radicali, perch├ę a Welby sia concessa la possibilit├á di mettere fine alle sue sofferenze. Ieri ha iniziato la sciopero della fame, per due giorni, il ministro Emma Bonino. In serata ha aderito all┬┤appello anche l┬┤ex leader di Lotta Continua Adriano Sofri. In tutto pi├╣ di cinquecento persone. Solidariet├á del ministro dell┬┤Universit├á e Ricerca Fabio Mussi: ┬źNon ci si pu├▓ accanire a tenere in vita il dolore┬╗. E Livia Turco ha annunciato la nascita della Commissione sulla terapia del dolore, le cure palliative e la dignit├á del fine vita: trenta esperti, coordinati dal ministro della Salute, che dovranno stabilire le linee guida, in futuro punto di riferimento delle strutture sanitarie. Ma sul caso Welby la Turco ├Ę stata categorica: ┬źNon rientra nei compiti della Commissione┬╗. ┬źOggi si parla tanto e giustamente degli aspetti etici legati alla fine dalla vita - afferma Livia Turco - e si parla poco di cosa, invece, in ogni caso e al di l├á delle proprie convinzioni su eutanasia, testamento biologico e accanimento terapeutico, bisogna fare affinch├ę nessuno sia lasciato solo e senza dignit├á nelle fasi terminali di una grave malattia ma anche nel decorso drammatico di molte malattie croniche invalidanti. La Commissione servir├á proprio a creare le condizioni per umanizzare il passaggio dalla vita al decesso┬╗. Ma cosa pensa davvero la gente dei problemi legati alla sofferenza dei malati terminali senza speranza di guarire? Il sondaggio dell┬┤Istituto IPR Marketing, diretto da Antonio Noto, per conto di Repubblica. it, non lascia dubbi. Su un campione scientifico di mille cittadini, emerge che il 64 per cento degli italiani sono a favore dell┬┤eutanasia, almeno per quello che riguarda il caso di Piergiorgio Welby. Anche tra i cattolici praticanti prevale la convinzione che deve essere consentito di staccare la spina dalla macchina che tiene in vita artificialmente un malato senza speranza. Un segnale di scollamento tra la societ├á civile e la politica. Ma il mondo politico, dopo le interviste a Repubblica del presidente della Commissione Sanit├á del Senato, il diessino Ignazio Marino, e la dura replica del ministro Rosy Bindi, continua a dividersi. La senatrice della Margherita Paola Binetti ├Ę convinta che ┬źdalle istituzioni non pu├▓ arrivare nessuna risposta, a parte l┬┤espressione della piena solidariet├á umana┬╗. E il ministro del Commercio estero, Emma Bonino: ┬źNessuno di noi ha il diritto di condannare un altro alla tortura. ├ł esattamente ci├▓ che sta accadendo e io da cittadina ho voluto partecipare a questa mobilitazione. E mi auguro un segnale dalla magistratura dopo la richiesta dei legali di Welby di un┬┤indagine sull┬┤eutanasia clandestina┬╗. Invece secondo Chiara Moroni, di Forza Italia, ┬źnon pu├▓ essere la magistratura a decidere, conta la volont├á della persona che deve essere messa nelle condizione di scegliere nell┬┤ambito di un quadro legislativo chiaro┬╗. Alfredo Mantovano di An accusa i radicali di ┬źstrumentalizzazione del dolore┬╗. Sul caso si ├Ę espresso anche il regista Mario Monicelli: ┬ź├ł un tema che si potrebbe benissimo trattare come una commedia all┬┤italiana, ironizzando e mettendo in ridicolo quelli che pensano che questo disgraziato debba rimanere l├Č a soffrire┬╗. ┬źLa differenza tra la posizione del Ministro Bindi e quella di Ignazio Marino, ambedue rispettabilissime, ├Ę che quella di Marino ├Ę perfettamente coerente con il Codice deontologico medico┬╗, hanno affermato Demetrio Neri, ordinario di Bioetica all┬┤Universit├á Messina, Gilberto Corbellini, ordinario di Storia della medicina, Amedeo Santosuosso, magistrato, docente all┬┤Universit├á Pavia. In base alla procedura prevista dal codice medico, hanno spiegato, ┬źil medico deve attenersi, nel rispetto della dignit├á, della libert├á e dell┬┤indipendenza professionale, alla volont├á di curarsi, liberamente espressa dalla persona┬╗.





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Eutanasia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info