sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Sole 24 Ore


PRIME FIRME TRA ITALIA E INDIA

Il Sole 24 Ore - 13 febbraio 2007 Prodi: nei prossimi mesi missioni centrate su settori con ricadute immediate. di Nicoletta Picchio Kolkata - Tre accordi. Uno per l'agroalimentare, l'altro per le pelli, un altro ancora riguarda una media azienda di Salerno, la Magaldi, che ha ottenuto dalla Dcips, una delle maggiori societ├á impiantistiche indiane, la licenza esclusiva per fornire le proprie tecnologie (estrazione delle scorie di fondo caldaia nelle centrali elettriche). E' partita con le firme la prima giornata del Forum italo-indiano a Kolkata. Duemila incontri faccia a faccia tra imprese, con pi├╣ di 300 aziende italiane coinvolte, quattro seminari di approfondimento (agroalimentare, tessile e pelle, turismo e infrastrutture, strumenti finanziari). Un grande interesse, motivato dalle leve competitive del West Bengal: ├Ę l'unica regione indiana con un surplus nella produzione energetica, come ha spiegato il presidente della Piccola industria, Giuseppe Morandini, ha il vantaggio di manodopera e materie prime a basso costo, si stanno creando alcune zone economiche speciali dove si possono ottenere agevolazioni fiscali e prezzi favorevoli per l'acquisto dei terreni. Romano Prodi, ridotta la tappa di Bangalore per uno sciopero generale, ieri era a Kolkata. Si ├Ę aggirato tra i tavolini dei business to business ed ha avuto una colazione ristretta con Morandini, che guida la delegazione delle imprese,(Montezemolo arriver├á stasera a Mumbai), altri industriali, tra cui Roberto Snaidero, Carlo Calenda, responsabile per l'internazionalizzazione di Confindustria, il ministro per il Commercio internazionale, Emma Bonino, Giuseppe Zadra, direttore generale Abi e imprenditori indiani. Prodi ha ripetuto che l'India ├Ę il mercato del futuro e che nei prossimi mesi ci saranno altre missioni, focalizzate sui settori dove possono esserci immediate ricadute di business. ┬źCi piaccia o no, la globalizzazione ├Ę inarrestabile, nel commercio, nei mercati finanziari, nella tecnologia┬╗, ha ripetuto il presidente del Consiglio. ┬źDobbiamo insistere ha aggiunto - sulle grandi opportunit├á che offre, la sfida ├Ę proteggere i pi├╣ bisognosi e metterli in grado di trarre anch'essi benefici da questo cambiamento┬╗. Gli accordi firmati ieri gi├á individuano i comparti su cui la collaborazione pu├▓ essere pi├╣ concreta. Il primo ├Ę l'agroalimentare: ┬źL'India trasforma solo il 2% di quello che produce, mangia fresco o butta via, non riesce neppure a stabilizzare il prezzo dei prodotti. L'esperienza italiana ├Ę preziosa in tutta la filiera del food-processing┬╗, ha detto la Bonino. E ieri l'Unione degli industriali di Parma ha siglato un memorandum con la Cifti, la Confederazione indiana dell'agroalimentare, per identificare le aree di investimento, facilitare la formazione della manodopera indiana, creare uno show room delle eccellenze italiane. L'altro accordo ha coinvolto Assomac (costruttori di macchinari per pellame e calzature), lce, e Council of learher exports del ministero dell'Industria indiano per formare la manodopera locale. ┬źL'obiettivo del West Bengal ├Ę di portare la produzione manifarturiera dal 17 al 25% del Pil┬╗, aggiunge Morandini. Tra Italia e India ci sono ancora problemi di dazi, come ha sottolineato la Bonino, oltre a una burocrazia pesante. Ma le prospettive sono cos├Č interessanti che l'Ice user├á per l'India i 10 milioni di euro straordinari messi a disposizione dal Governo. Il programma Ice riguarder├á otto aree: cinema, meccanica, settori tradizionali del made in Italy, nuove tecnologie, infrastrutture, logistica, chimica e distribuzione. Per le infrastrutture, ha detto il ministro, il Governo di Delhi prevede 320 miliardi di investimenti nei prossimi sei anni. ┬źNel West Bengal si sta puntando sui grandi lavori per il tessuto urbano e sulle opere che favoriscono il turismo┬╗ spiega Alessandro Barberis, vice presidente di Unioncamere per l'internazionalizzazione che ha moderato il seminario sulle infrastrutture. E, incontrando Prodi, Barberis gli ha ricordato quando, gennaio 1998, a Madras come presidente della Piaggio firm├▓ davanti a lui, sempre presidente del Consiglio, un accordo per produrre in india un tre ruote, modello Ape.





Altri articoli su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info