sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Messaggero


MISSIONE INDIA, FIRMATI I PRIMI ACCORDI NEL WEST BENGALA

Il Messaggero - 13 febbraio 2007 di Luciano Costantini Calcutta - Dieci milioni in poco più di un anno messi a disposizione dal governo. Non sarà una cifra astronomica, ma potrà essere assai utile a supportare lo sbarco - anzi la testa di ponte giù stabilita due anni fa - degli industriali italiani in India. Più precisamente in quel West Bengala che si piazza al terzo posto della graduatoria del PiI della confederazione. Giuseppe Morandini, presidente e capo delegazione dei piccoli e medi imprenditori, ha portato con sè 250 capi-azienda, i quali ieri hanno avviato i 2.000 faccia a faccia con i colleghi indiani. «Cercheremo di inserircì - spiega Morandini - nelle cosidette zone industriali speciali». Qualcosa di assai simile ai nostri "distretti": flessibili ed in grado di reggere i ritmi, sempre più spinti, del commercio globale. Già chiusi alcuni accordi rilevanti, grazie anche al sostegno dell'Abi e dell'lce: tra Unione industriale di Parma e la Ciffi (confindustria indiana per l'alimentazione): tra Ice e Assomac, che rappresenta l'associazione industriale di macchine per calzature e pelletreria: tra Magaldi Power, un'azienda di Salerno che opera nella raccolta delle scorie delle centrali elettriche e la Dcips, un'impresa del settore che lavora nel West Bengala: tra il gruppo romano Almaviva e la lnfos s Technologies per lo sviluppo di servizi e sistemi informatici. Emma Bonino, arrivata a Calcutta insieme a Prodi, crede assai nel progetto. Ed indica le tre direzioni di penetrazione che seguirà il nostro Paese: l'agroalirnentare. il pellame e le nuove tecnologie. «L'India - sottollinea il ministro per il Commercio internazionale dinanzi ai rappresentanti dell'imprenditoria locale - rappresenta il focus Country del 2007». L'obiettivo è quello di portare l'interscambio commerciale tra i due paesi da 4 a 10 miliardi in tre anni. Otto i settori che verranno "arati": cinema, meccanica, made in Italy, nuove tecnologie, infrastrutture, logistica. chimica, distributivo.





Altri articoli su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info