sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> La Stampa


LA BONINO IN INDIA CON LE PMI "IL MADE IN ITALY PUO' TRIPLICARE"

La Stampa - 13 febbraio 2007 Dai cibi all'hi-tech dieci miliardi di import-export entro tre anni. di Paolo Baroni L'Italia va all'assalto dell'India. Il governo, le banche e le imprese sono pronte ad accettare la sfida lanciata lo scorso novembre dal governo di Nuova Delhi: triplicare in tre anni l'interscambio tra i due Paesi, passando da 4 a 10 miliardi di euro. «La sfida è alla nostra portata - assicura il ministro per il Commercio internazionale Emma Bonino che ieri ha aperto i lavori del forum italoindiano di Calcutta -. Se abbiamo intrapreso questo viaggio è perchè siamo convinti di poter raggiungere l'obiettivo». «Abbiamo grandi aspettative - conferma il presidente dei Piccoli di Confindustria Giuseppe Morandini -. Questa è un area particolarmente redditizia e di potenziali grandi investimenti, soprattutto per il manifatturiero italiano». L'occasione, del resto, è senza precedenti. In questo Paese, che conta 1,1 miliardi di abitanti, cresce al ritmo dell'8-9% l'anno e che nel giro di pochi anni diventerà uno dei mercati mondiali più importanti, gli italiani una volta tanto non arrivano in ritardo. Tutti i nostri principali gruppi industriali, da Fiat a Pirelli, da Piaggio a Italcementi, da Luxottica a Merloni sino a Tecnimont e Carraro, sono presenti. da anni. Ora si tratta di rafforzare questo presidio coinvolgendo le imprese più piccole. «Per il governo italiano - spiega Bonino - l'india sarà il focus-country 2007 e per questo con l'Istituto per il commercio estero abbiamo deciso di stanziare 10 milioni di euro per favorire la penetrazione delle nostre Pmi». Il programma partirà a giugno e durerà per tutto il 2008. Otto saranno i settori interessati alla cooperazione bilaterale: cinematografico (l'Italia sarà presente alla prossima fiera del cinema di Mumbay), meccanica, i settori tradizionali del made in italy, le nuove tecnologie con particolare riguardo alle biotecnologie, le infrastrutture (l'India ha previsto nei prossimi 6 anni investimenti per 320 milioni di euro), la logistica, la chimica e il settore distributivo. Al suo debutto a Calcutta la missione italiana promossa da Confindustria, Abi e Ice, che vede presenti 400 imprenditori e 13 banche, ha messo a segno i primi risultati siglando tre accordi bilaterali: uno sull'agroalimentare, sottoscritto dall'Unione parmense degli industriali con la Confederazione indiana dell'agroalimentare; uno per il settore cuoio-calzature che coinvolge Ice, Assomac (l'associazione dei costruttori di macchinari per calzature e pelletteria) ed il ministero dell'Industria indiano, ed un terzo che consentirà all'indiana Dcips di utilizzare per 10 anni le tecnologie della Magaldi Power, una azienda di Salerno leader mondiale nei sistemi di estrazione delle scorie dalle centrali elettriche alimentate a carbone. Ovviamente la nuova corsa presenta anche molti ostacoli. Su tutti l'eccesso di burocrazia ed i dazi molto alti sull'import. Poi l'Italia sconta i suoi handicap tradizionali come la dimensione ridotta delle imprese e la mancanza di un adeguato supporto sul fronte della distribuzione che rende più complicato fare arrivare qui i nostri prodotti. Per Morandini però ci sono anche molte opportunità da sfruttare: nel West Bengala, ad esempio, oltre a costi di manodopera molto bassi e vantaggi fiscali, si può beneficiare anche di costi bassi dell'energia elettrica. «In India - spiega - possiamo realizzare semilavorati, vendere, siglare accordi commerciali e anche aprire nuove attività produttive consorziandoci con partner locali».





Altri articoli su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Italia ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info