sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Foglio


A MOSCA BONINO APPLICA IL METODO MERKEL E CI SPIEGA PERCHE'

Il Foglio - 13 aprile 2007 Il ministro in missione in Russia: "Lo stato di diritto fa bene anche all'economia". Berlusconi da Putin a San Pietroburgo. Mosca - Domani il leader della Casa delle libert√†, SiIvio Berlusconi, sar√† a San Pietroburgo in visita privata dal presidente russo, Viadimir Putin. Ma le visite in Russia di rappresentanti politici italiani sono gi√† cominciate da due giorni, con la missione del ministro per il Commercio internazionale e le politiche europee, Emma Bonino. E' stato il suo primo impegno ufficiale in Russia, e l'approccio scelto ha ricordato da vicino quello del cancelliere tedesco, Angela Merkel. La democrazia non avanza, le libert√† si restringono, ma Mosca √® un partner energetico e commerciale indispensabile per l'Italia. Gli scambi hanno superato i 20 miliardi di euro l'anno. Il nostro paese importa quasi 10 miliardi di euro di gas e Eni, assieme alla britannica Bp, √® la mano destra di Gazprom per recuperare le attivit√† della defunta Yukos. In cambio il gigante del gas - che vuole diventare la prima azienda al mondo con una capitalizzazione di un triliardo di dollari entro sette-dieci anni - entra nel mercato italiano, mentre Aeroflot vuole comprarsi Alitalia. L'Istituto per il commercio estero (Ice) ha dipinto i magazzini Gum, che si affacciano sulla Piazza Rossa, con il tricolore: per un mese cento aziende italiane esporranno i loro prodotti al nuovi ricchi russi. Ma all'ombra del mausoleo di Lenin le cose non sono cos√¨ semplici: lo stato di diritto √® poco di diritto, la magistratura non √® indipendente e la corruzione dilaga. "La Russia √® un grande partner - spiega al Foglio Bonino - ma quando un'impresa italiana deve chiedere 57 permessi, i livelli di corruzione si moltiplicano". Nella democrazia dirigista di Putin rimangono numerose zone scure. Anche nel contesto internazionale Mosca va monitorata. Dal Kosovo all'Iran passando per l'Ucraina, √® un partner "imprescindibile ma imprevedibile", dice il ministro. La Russia minaccia di mettere il veto al Consiglio di sicurezza dell'Onu sull'indipendenza della provincia serba. L'indurimento di Mosca sul nucleare iraniano sembra pi√Ļ dettato dal portafoglio - Teheran non ha ancora pagato le forniture per la centrale di Busher - piuttosto che dalla reale percezione della minaccia. La mano lunga russa in Ucraina rischia di destabilizzare la democrazia fragile di Kiev. Le proteste e le minacce sullo scudo anti-missilistico americano segnalano la sindrome da accerchiamento. Nonostante tutto, non si pu√≤ fare a meno della Russia. "Non la si pu√≤ n√® isolare n√® bombardare - prosegue Bonino - semmai occorre spingere il paese a diventare un responsabile stakeholder a livello mondiale". Il ministro per il Commercio internazionale, nel suo "metodo Merkel", vuole un egagenent franco: "In un rapporto di partnership bisogna parlare francamente, senza avere il tono accusatorio, ma anche senza reticenze". Come la cancelliera nella sua prima visita a Mosca, anche Bonino ha voluto incontrare privatamente i rappresentanti della societ√† civile russa. Mercoled√¨ le organizzazioni per i diritti umani attive nel paese le hanno esposto le loro preoccupazioni. A cominciare dal rischio che domani, alla manifestazione organizzata dall'opposizione di Garry Kasparov e Mikhail Kasyanov, i sostenitori di Putin inneschino la repressione della polizia. "Rafforzare i legami con la societ√† civile √® un obiettivo e una richiesta", spiega il ministro: democrazia e stato di diritto fanno bene anche al business. In questo Italia e Germania - i due maggiori partner commerciali di Mosca - hanno "un interesse comune: che gradualmente la Russia diventi uno stato presentabile". L'asse italo-tedesco deve convincere il Cremlino a una "graduale e progressiva assunzione di responsabilit√†" internazionale e interna, anche per il bene dell'economia. "Non cresce la media borghesia e la spinta alla media impresa non c'√® - mette in guardia Bonino - E occorre diversificare i moduli di produzione: non pu√≤ essere tutto grandi gruppi energetici". Putin lo sa: l'Italia e le sue piccole e medie imprese hanno un grande spazio potenziale. Ma anche per questo, avverte Bonino "occorre lo stato di diritto". Nella foto Emma Bonino con Tatiana Kasatkina (Memorial), Elena Kovaleveskaya (Open Society Institute), Ludmila Alexeeva (Moscow Helsinki Group), Yuri Dzhibladze (Presidente del Center for Development of Democracy and Human Rights) e un rappresentante di Demos





Altri articoli su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Russia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Russia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Asia ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Russia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info