sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Italia Oggi


ENERGIA A RICERCA, CI VUOLE PIU' SPRINT

Italia Oggi - 17 aprile 2007 "Il nostro paese deve investire in ricerca ed energia se non vuole restare al palo nella sfida della globalizzazione". E' questo il messaggio che il ministro per le politiche europee, Emma Bonino, ha lanciato ieri al CneI, dove si ├Ę svolta l'XI sessione da confronto tra le parti sociali e le istituzioni sulle priorit├á del semestre di presidenza tedesca dell'Ue e sul programma di lavoro della Commissione per il 2007. Per la Bonino i settori della ricerca e dell'energia sono il motore dello sviluppo e perci├▓ il nostro paese deve spingere sugli investimenti e sulla destinazione delle risorse: passare cio├Ę dall'1,16% del pil attualmente destinato alla ricerca al 2,5% entro il 2010, ovvero da 15 miliardi di euro a oltre 32. "Ognuno deve fare la sua parte", ha aggiunto il ministro. "Quindi se l'impegno a carico dello stato deve crescere da 7 a 10 miliardi di euro, le imprese private devono spingere gli investimenti da 8 fino a 22 miliardi. Mi rendo conto che questo pu├▓ essere difficile, specialmente per le pmi che hanno oggi una quota molto piccola di spesa. Ma anche loro se vogliono competere debbono innovare e senza ricerca non si innova. Abbiamo individuato strumenti a rete, come i distretti tecnologici, che stanno funzionando molto bene, ma dobbiamo fare ancora di pi├╣ e le risorse del tesoretto potrebbero aiutarci". In quanto al settore energetico, il ministro ha ricordato gli ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra, di energie rinnovabili, di efficienza energetica. "Questi obiettivi, che dovremo raggiungere entro il 2020, richiedono un azione coordinata di tutto il governo e un grande sforzo anche da parte delle imprese", ha affermato la Bonino, sottolineando che la collaborazione in Italia e in Europa ├Ę necessaria se vogliamo realizzare obiettivi per i quali sono necessari investimenti enormi. Secondo uno studio preliminare citato dal ministro, "per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni del 20% entro il 2020 dovremmo spendere nell'Ue circa 1.100 miliardi di euro, che ├Ę piu o meno il pil dell'Italia. Se non investiamo in questo settore possiamo stare certi che saremo costretti a dipendere dall'estero per tecnologie chiave".





Altri articoli su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info