sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Sole 24 Ore


L'ITALIA TORNA SULLA RIVA SUD

Il Sole 24 Ore - 17 luglio 2007 Al via il quinto Laboratorio Europmed - Rilanciato il progetto di una Banca euromediterranea di Alfredo Sessa Gli investimenti dai Paesi del Golfo. L'aumento degli scambi commerciali con l'Europa e con l'Asia. Le risorse energetiche, il gas e il petrolio. Grazie a tutto questo, il bacino del Mediterraneo, ha nuove potenzialit√†, torna a essere luogo di incontro e di scambio, snodo epassaggio obbligato. E il Laboratorio euro-me diterraeo; l'iniziativa, avviata cinque anni fa da Promos-Camera di Commercio di Milano, registra puntualmente l'impennata di interesse: ieri la conferenza annuale ha radunato capi di Governo, ministri, imprenditori, diplomatici. Un incontro al vertice chiamato a elaborare nuove politiche, a fare passi piccoli ma rivoluzionari. Qualcosa che le gravi tensioni che attraversano l'area, dal conflitto israelo-palestinese al Sahara occidentale, dal fondamentalismo islamico all'immigrazione clandestina, non avrebbero lasciato immaginare. ¬ęPriorit√† del Governo √® il rilancio della presenza italiana nel Mediterraneo¬Ľ ha detto nel suo intervento il presidente del Consiglio, Romano Prodi. ¬ęC'√® la sensazione - ha proseguito - che siamo di fronte a una potenzialit√† maggiore rispetto al passato. Le risorse non mancano, nell'area del Mediterraneo c'√® una forte liquidit√†. Ma oltre al flusso dei capitali, il Mediterraneo √® il crocevia del commercio mondiale, con l'Egitto in primo piano. Quello che manca √® la politica. Gli obiettivi della politica euromediterranea sono chiarissimi, e allora facciamola, se non con tutti, almeno con chi ci sta. Vogliamo andare avanti nei prossimi mesi con iniziative semplici, concrete. Si tratta di approfittare della Storia, che ci ha messi, attraverso il boom asiatico, al centro di un nuovo sviluppo¬Ľ. Prodi ha scelto la platea della quinta Conferenza annuale del Laboratorio euromediterraneo per rilanciare il progetto di una Banca euromediterranea, che aveva gi√† proposto nelle vesti di presidente della Commissione europea. Proprio l'esperienza negativa di allora, che aveva visto il disinteresse degli Stati nordeuropei, suggerisce adesso di parlare prioritariamente con Portogallo, Spagna, Francia, Malta e Cipro. ¬ęQuella della Banca euromediterranea - ha detto il primo ministro egiziano Ahmed Nazif - √® una proposta valida¬Ľ. Anche il leader libico Gheddafi ha espresso interesse a Prodi, via telefono, per la nuova iniziativa. Ma il premier italiano pensa anche alla creazione di alcune universit√†, a carattere tecnologico, che siano in numero pari sulla sponda Sud e Nord del Mediterraneo, con scambi di studenti e docenti. In precedenza, nel vertice bilaterale con la Spagna, √® stata inoltre proposta la costituzione di un'agenzia per gli investimenti delle imprese del Mediterraneo. L'Italia, e Milano in prima fila, lavorano per l'integrazione euromediterranea. Le nuove iniziative puntellano gli accordi di Barcellona, l'intesa europea del 1995 che prevedeva la creazione di un'area di libero scambio entro il 2010, una data che dovr√† ormai essere rivista. ¬ęPer la prima volta abbiamo coinvolto nel Laboratorio di Milano i Paesi del Golfo, i maggiori investitori nell'area del Mediterraneo¬Ľ ha detto Bruno Ermolli, presidente di Promos, l'azienda della Camera di Commercio di Milano per le attivit√† internazionali. Ermolli ha proposto di organizzare l'anno prossimo a Milano una conferenza programmatica per riavviare il processo di integrazione. ¬ęSe non sar√† l'Europa a puntare al Mediterraneo ha spiegato il padrone di casa - saranno altri a vincere nell'area, magari provenienti dall'Estremo Oriente¬Ľ. L'occasione √® importante anche perch√© l'export italiano nell'area √® in aumento. L'Italia esporta verso i 12 Paesi del Sud del Mediterraneo (300 milioni di persone) quattro volte rispetto a quanto esporti in Cina (nel 2006, 20 miliardi di euro contro 5 miliardi), un Paese con una popolazione di 1,3 miliardi di abitanti. Deludente, invece, la fotografia degli investimenti: l'Italia destina al Mediterraneo meno del 2% del totale degli investimenti verso il resto del mondo. Prioritari sono adesso gli investimenti nelle infrastrutture, capaci di creare occupazione e di rispondere alla domanda che nasce dall'incremento degli scambi commerciali tra Europa, Sud Mediterraneo e Asia. Non a caso, oggi il Laboratorio di Milano prosegue con il primo osservatorio sulle infrastrutture. L'obiettivo √® individuare strumenti di finanziamento. ¬ęNel Mediterraneo c'√® un potenziale femminile straordinario, a volte poco conosciuto, altre poco riconosciuto. Spero che un giorno non sia solo io a parlare di donne imprenditrici¬Ľ ha detto il ministro del Commercio internazionale, Emma Bonino. Di tutela della condizione femminile nei Paesi islamici, e di ¬ępersecuzioni contro i cristiani che non possono passare sotto silenzio¬Ľ ha parlato in occasione del suo intervento il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. ¬ęNon bisogna interrompere la trattative con la Turchia, perch√® sarebbe uno schiaffo a tutto il mondo islamico¬Ľ ha affermato invece Franco Frattini, vicepresidente della Commissione europea.





Altri articoli su:
[ Africa ] [ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Africa ] [ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Africa ] [ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info