sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Foglio


BONINO E L'IMPRESA IMPOSSIBILE DI CONCILIARE DIRITTI E COMMERCI

Il Foglio - 10 agosto 2007 di Mauro Suttora Roma. Povero Palden Gyatso, monaco buddhista reduce da 33 anni di carcere cinese, che l'altra sera ha camminato dal Colosseo al Campidoglio attorniato dalle fiaccole della marcia per il Tibet. Come in tutte le capitali del mondo, le organizzazioni dei diritti umani ci hanno ricordato che, a un anno dall'inizio delle Olimpiadi a Pechino, la repressione in Cina aumenta. "Il governo di Pechino non solo non mantiene le promesse di maggiore libertà fatte al Comitato olimpico internazionale - avverte da Londra Irene Khan, segretaria di Amnesty International - ma la polizia usa il pretesto dei giochi per estendere le incarcerazioni senza processo". Povero monaco, se avesse letto l'intervista che Emma Bonino, finora massima paladina italiana della democratizzazione mondiale, ha rilasciato proprio l'altro ieri al Sole 24 Ore. Con una clamorosa inversione a U, la ministra ora si dichiara contraria a sanzioni economiche contro le dittature: "Quando si commercia, circolano anche idee e persone". E` l'usurato argomento che, dalla strage di Tiananmen dell'89, i sostenitori del business occidentale brandiscono nel perenne dibattito sulle sanzioni. Soprattutto negli Usa, che però mantengono tuttora ben nove classi di restrizioni commerciali e finanziarie contro i gerarchi comunisti di Pechino. A tutto beneficio dell'Europa, che infatti si batte per l'appeasement non solo verso la Cina, ma anche nei confronti dell'Iran (boicottato integralmente da Washington). E` da mesi che la Bonino ha abbracciato la "realpolitik", rinunciando ai passati ardori dopo essersi seduta sulla poltrona di ministro del Commercio estero. "I rapporti tra Italia e Cina non sono mai stati così buoni", ha annunciato felice in giugno al forum italo-cinese per la promozione dell'export delle piccole e medie imprese, "le nostre esportazioni in Cina sono cresciute del 25 per cento nel 2006". E` la stessa persona che negli ultimi vent'anni si era battuta contro le repressioni dei Falun Gong, che invitava ai congressi radicali dissidenti cinesi come Wei Jinsheng, che difendeva i separatisti uiguri dello Xinjian, che protestava per le persecuzioni dei cristiani, che premeva perché i premier italiani ricevessero il Dalai Lama a Roma, che andava a farsi arrestare dai talebani a Kabul e a incontrare la Nobel per la pace birmana Aung San Suu Kyi a Rangoon? Ma, soprattutto, i radicali non si stanno attualmente battendo come leoni contro la pena di morte? E il 95 per cento delle esecuzioni capitali non avviene proprio in Cina? La Bonino è molto apprezzata dalla business community come ministro. Attiva ed efficiente, come sempre. Ma il suo nuovo ruolo è inesorabilmente incompatibile con i passati ardori. Se fosse stato per lei, avrebbe scelto addirittura il ministero della Difesa. E lì la contraddizione sarebbe risultata plateale: una gandhiana antimilitarista a capo dei militari? Fra i radicali c'è imbarazzo. Radio radicale cerca di far ingoiare il nuovo realismo governativo trasmettendo a raffica interviste a personaggi che dicono che sì, in fondo le sanzioni non sono molto efficaci. Il deputato Bruno Mellano (incarcerato pure lui in Laos nel 2001) obietta: Ti domandiamo in che cosa consista il cosiddetto 'dialogo critico' con i regimi dittatoriali. Abbiamo un anno di tempo, prima delle Olimpiadi, per ottenere dai cinesi qualche miglioramento delle libertà fondamentali, senza attendere i tempi lunghi di un cambiamento culturale frutto delle aperture al mercato". Le sanzioni hanno funzionato in Sudafrica, ammette la Bonino. "Ma non contro i militari in Birmania", aggiunge. E chi sono gli unici protettori della giunta birmana? Quante settimane durerebbe la giunta di Rangoon senza l'aiuto della Cina? La foto in gigantografia della birmana Aung San è sempre appesa sul Campidoglio. Fanno ormai 17 anni da quando vinse le elezioni e fu arrestata. Il sindaco Walter Veltroni dice che la terrà lì finché non verrà liberata. Ma la martire birmana della democrazia forse ha perso un'alleata: la ex pasionaria Emma, oggi appassionata soprattutto di made in Italy.





Altri articoli su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Laos ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Laos ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Laos ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info