sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Panorama Economy


MA IN ITALIA I CONTROLLI FUNZIONANO

Panorama Economy - 30 agosto 2007 Intervista al ministro Bonino Cosa succederà dopo l'allarme giocattoli? Cosa devono fare l'Italia e Bruxelles per tutelarsi? Economy lo ha chiesto a Emma Bonino, ministro per le Politiche europee e il Commercio estero. Ministro Bonino, dopo dentifrici, grembiulini e pigiami ora tocca a giocattoli e medicinali. È allarme made in China? Certo l'entità del ritiro dei giocattoli ha fatto scalpore ma in realtà moltissimi prodotti, e non solo made in China, ogni settimana vengono sequestrati perché pericolosi, difettosi o semplicemente non in regola con le direttive dell'Unione europea. Non si tratterà solo dei nuovo capitolo di una guerra commerciale (sempre meno sotterranea) con Pechino? In questi giorni ho letto le più svariate analisi sul tema. C'è chi ha parlato di un complotto montato ad hoc per ridimensionare la forza economica della Cina. Non credo a queste ipotesi, così come non credo che tutto ciò che viene prodotto in Cina sia automaticamente di bassa qualità. Le economie industriali asiatiche crescono e non è certo con il protezionismo che batteremo la loro concorrenza. In Europa, però, tira di nuovo aria di dazi commerciali... Sulla questione specifica dei giocattoli, la Commissione studierà a fondo il dossier e prenderà quindi la decisione più giusta, o quantomeno la più «informata», anche dopo aver sentito gli Stati membri. Non escludo una messa al bando degli articoli più pericolosi, ma naturalmente non ho gli elementi per sollecitarla. Qualche colpa ce l'avranno anche i committenti, quasi sempre occidentali. Certo. Il caso Mattel, ma non solo, insegna che non bisogna mai perdere il controllo sul processo produttivo né limitare gli investimenti sulla qualità e la sicurezza. Le grandi multinazionali che hanno spostato la produzione in Oriente dovrebbero farsi sempre garanti del prodotto finale che porta il loro logo. L'impressione generale è che comunque in Italia i controlli abbiano funzionato. Spesso veniamo indicati come modello di scarsa efficienza. Invece i controlli italiani sono quotidiani e molto efficaci. A livello europeo il Rapex, il nuovo sistema comunitario di allerta rapida, sta dando ottimi risultati. Servono però più coordinamento e un maggiore impegno sui fronti della contraffazione e della tracciatura di origine. La minaccia futura? Quello che mi fa più paura immaginando i prossimi anni è il fenomeno legato alla contraffazione dei farmaci.





Altri articoli su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Droghe ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Droghe ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Commercio Estero ] [ Droghe ] [ Estremo Oriente ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info