sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 aprile 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Europa


PIU' CHE RINVIARE, E' IL MOMENTO DI RILANCIARE

Europa - 21 settembre 2007 di Gabriella Monteleone Non basterà incrociare le dita per vincere all'Onu la battaglia per la moratoria delle esecuzioni capitali nel mondo. Per dare corpo a certi appuntamenti, anche la tempistica può essere decisiva. E se quella tracciata ieri dalla Farnesina verrà confermata, i rischi che il percorso già accidentato si blocchi, potrebbero aumentare. Contraddicendo quanto il sottosegretario Vernetti aveva detto l’11 settembre alle commissioni esteri riunite, il portavoce, Pasquale Ferrara, ha detto ieri che il ministero «prevede che il voto in assemblea dovrebbe avvenire in dicembre», mentre Vernetti assicurava che la risoluzione sarebbe stata presentata in apertura dei lavori, il 24 o 25 settembre, aggiungendo che «entro la fine di ottobre saremo in grado di discuterla e votarla». Già si sapeva che il testo di risoluzione sarebbe approdato prima, l'8 ottobre, nella terza commissione che si occupa di diritti umani. Ora si sottolinea anche che i tempi precisi della calendarizzazione in commissione «non sono prevedibili, dipende da come sarà gestito l'ordine del giorno»: se si considera che la presidenza è affidata all'Iraq - certo non in prima fila per stoppare il boia - c'è poco da avere fiducia. I Radicali (da giorni in sciopero della fame a oltranza) saranno pure "ansiogeni", epperò qualche volta rischiano di prenderci nel registrare «errori, ritardi e insensibilità» nella gestione di questa fase cruciale della battaglia, diceva ancora ieri Pannella dopo aver perorato la causa della moratoria, insieme ad Emma Bonino, con Napoletano. Le condizioni favorevoli di oggi possono essere rovesciate in un batter d'occhio, figuriamoci in tre mesi. Il merito indiscusso dell'Italia di essere riuscita ad ottenere l'adesione di tutti i paesi europei all'iniziativa per la moratoria, rischia di restare fine a se stesso se non si riuscirà a orientare con decisione il percorso che punta all'obiettivo di arrivare al voto, perché «virtualmente al palazzo di Vetro - ha detto l'ex ambasciatore Fulci - abbiamo già vinto» dato che la maggioranza dei paesi è favorevole, «ma non sarà una passeggiata». L'esperienza accumulata dalla diplomazia italiana nei precedenti tentativi del '94 e del '99, falliti per un soffio, dovrebbe essere messa più a frutto nella task force europea istituita a giugno sul dossier moratoria e che affianca la presidenza portoghese, spingendo anche per accelerare i tempi ad esempio. Perché le lobby dei difensori del patibolo giocheranno come sempre un loro ruolo e tenteranno magari di anticiparli, anche se arrivano segnali positivi dalla Cina e pure non particolarmente agguerriti dagli Usa. Il lavoro che l'Italia sta facendo da un anno per allargare il consenso alla risoluzione ed ottenere, ora, anche la «cosponsorship di Russia e Sudafrica», ha dato i suoi frutti: sono già 95 i paesi che hanno sottoscritto la dichiarazione di associazione. Il ministro Massimo D'Alema parteciperà lunedì all'apertura dei lavori dell'assemblea Onu (Prodi parlerà il 25) ma ci saranno anche Vernetti e Craxi: certo l'azione diplomatica nei numerosi colloqui bilaterali previsti continuerà, anche nella riunione ad hoc convocata, con tutti e 95 i paesi il 28 settembre, dalla presidenza di turno Ue. All'evento parteciperanno anche Amnesty International e Nessuno tocchi Caino e alcuni premi Nobel già mobilitati contro la pena di morte e ai quali lo stesso Prodi ha inviato una lettera. Insomma ora sarebbe il momento di rilanciare, non rinviare.





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Pena di morte ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Pena di morte ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Pena di morte ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info