sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Italia Oggi


RICERCA, VISTI FACILI PER GLI EXTRA UE

Italia Oggi - 16 ottobre 2007 La direttiva 71/2005 recepita entro fine mese di Ignazio Marino Per i ricercatori extra Ue sarà più facile venire a studiare in Europa. Il decreto legislativo di recepimento della direttiva 71/2005 riceverà il suo via libero definitivo entro fine mese, dopo che le competenti commissioni parlamentari si saranno espresse sul provvedimento. Lo ricorda Gianfranco Dell'Alba, capo di gabinetto del ministero delle politiche comunitarie, in risposta a Franco Frattini. Il commissario Ue alla giustizia, infatti, con un comunicato diffuso ieri, ha minacciato di aprire una procedura di infrazione a carico dei paesi (ben 17, tra cui l'Italia) che non hanno ancora attuato la direttiva europea per facilitare il rilascio dei visti a ricercatori di paesi terzi che vogliono venire a lavorare in Europa. "La direttiva numero 71, approvata a ottobre del 2005, era una delle 'pietre miliari della Strategia di Lisbona' per attrarre ricercatori stranieri in Europa e rendere l'Ue più competitiva e, secondo la tabella di marcia di Bruxelles, le nuove regole dovevano essere trasposte nelle legislazioni nazionali entro il 12 ottobre di quest'anno. "A oggi però", spiega una nota, "solo sei paesi hanno notificato alla commissione la piena attuazione della direttiva (Belgio, Germania, Ungheria, Austria, Portogallo e Romania), mentre altri quattro paesi l'hanno solo trasposta parzialmente (Francia, Lettonia, Lituania e Repubblica Slovacca)". Frattini ha quindi fatto appello gli Stati membri inadempienti perché adottino la legislazione e le procedure amministrative necessarie "senza ritardi", sottolineando che "gli impegni politici di questi Stati membri per attrarre e mantenere meglio dei ricercatori di talento e di alta qualità in Europa non sono stati rispecchiati da un impegno concreto nell'organizzare le regole e le procedure necessarie in coerenza con questo obiettivo". Ma dal ministero guidato da Emma Bonino assicurano che "il ritardo sarà minimo, dato che entro fine mese palazzo Chigi darà il suo ok definitivo". Il problema, aggiunge Dell'Alba, è che i tempi di recepimento del legislatore europeo (24 mesi) non sono quelli che si dà il legislatore italiano (18 mesi). "Ecco perché", conclude, "con la legge comunitaria 2007 intendiamo portare a 12 mesi i termini di recepimento delle direttive".





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info