sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> L'Unità


SUL SI ALLA MORATORIA ALL'ONU L'EUROPA SI SPACCA

L'Unit√† - 30 ottobre 2007 Belgio, Danimarca e Olanda insistono per l'abolizione. Bonino: si rischia il naufragio di Roberto Rezzo ¬ęC'√® il rischio che si ripeta la situazione del 1999 quando per l'indisponibilit√† a discutere gli emendamenti √® saltata la presentazione del documento¬Ľ, avverte Emma Bonino, ministro del Commercio internazionale e Politiche europee, in missione alle Nazioni Unite per sostenere in nome del governo italiano la moratoria universale sulle esecuzioni capitali. Tutto si √® terribilmente complicato nel fine settimana: la Nuova Zelanda ha fatto circolare una bozza di risoluzione scritta espressamente per raccogliere il massimo consenso possibile in Assemblea Generale. Un piccolo capolavoro di diplomazia che nel linguaggio cerca di recepire le osservazioni avanzate anche dai governi potenzialmente incerti. Ma su quel testo si √® spaccata l'Unione Europea: Belgio, Olanda e Danimarca chiedono che l'accento si sposti dalla moratoria delle esecuzioni all'abolizione vera e propria della pena di morte. Il termine di presentazione del testo per andare al voto come da programma entro la fine dell'anno scade gioved√¨. L'associazione Nessuno Tocchi Caino, di cui il ministro √® stato uno dei fondatori, ha deciso cos√¨ di rimandare la presentazione all'Onu del suo ultimo rapporto annuale sulla pena di morte nel mondo. ¬ęPerch√© non ci siano elementi di distrazione e facilitare cooperazione e mediazione in queste ore decisive. Il tempo stringe¬Ľ, spiega Matteo Mecacci, uno dei responsabili. ¬ęIl punto √® che se vuoi avere degli alleati li devi stare a sentire. L'Europa con i suoi 27 membri da sola non ce la pu√≤ fare. Gli altri continenti hanno cose da dire, si aspettano di avere un ruolo. Questo deve essere visto come un fatto positivo non come un attentato al rigore - mette in chiaro Bonino -. E tutti i Paesi in cui la pena di morte √® stata abolita sono passati attraverso una moratoria. Questo √® il risultato che oggi dobbiamo ottenere. Poi continueremo la campagna abolizionista, avendo gi√† fatto un passo avanti nella direzione giusta. Non possiamo permettere che prevalgano dinamiche interne europee, la coesione della Ue √® secondaria rispetto alla moratoria¬Ľ. L'agenda del ministro prevede tre giorni di incontri bilaterali, iniziati con i rappresentanti di Marocco, Algeria, Liberia, Uzbekistan e India; oggi il vertice tra i Paesi europei con la speranza che prevalga un atteggiamento di buonsenso. L'obiettivo rimane quello di arrivare al voto all'Onu entro il 20 novembre, nel clima pi√Ļ unitario possibile, prima che in Assemblea Generale inizi la discussione sulle Risoluzioni-Paese, dominata quest'anno dal capitolo spinosissimo delle sanzioni contro l'Iran. L'amministrazione Bush sulla moratoria internazionale ha scelto di rimanere praticamente invisibile ma anche in America il dibattito sulla pena di morte √® sempre pi√Ļ acceso. Questa settimana √® scesa in campo l'American Bar Association, il potente ordine nazionale degli avvocati con un rapporto sulla pena capitale che prende in esame la situazione in otto Stati: Alabama, Arizona, Florida, Georgia, Indiana, Ohio, Pennsylvania e Tennessee. ¬ęIn tutti i sistemi giudiziari esaminati sono emersi problemi la cui gravit√† √® allarmante - denuncia Stephen Hanlon, responsabile del progetto -. Oggi troppo spesso chi viene giustiziato non √® chi ha commesso il crimine pi√Ļ grave ma chi ha il difensore peggiore. La maggior parte dei 3.500 detenuti rinchiusi nel braccio della morte non ha ricevuto rappresentazione legale adeguata alla gravit√† del processo e della condanna. Continuano a essere mandati a morte individui diagnosticati mentalmente ritardati e gli innocenti non sono adeguatamente protetti dagli errori giudiziari. Non √® possibile continuare le esecuzioni in nome della giustizia con un sistema in queste condizioni¬Ľ. L'organizzazione, che conta oltre 400mila avvocati membri, ha lanciato un appello perch√© sia imposta una moratoria di tutte le esecuzioni negli Stati Uniti per un periodo di cinque anni.





Altri articoli su:
[ Americhe ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ ONU ] [ Pena di morte ] [ Unione Europea ] [ USA ]

Comunicati su:
[ Americhe ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ ONU ] [ Pena di morte ] [ Unione Europea ] [ USA ]

Interventi su:
[ Americhe ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ ONU ] [ Pena di morte ] [ Unione Europea ] [ USA ]


- WebSite Info