sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 aprile 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> La Repubblica


IL MINISTRO BONINO: RAPPORTI CON LA ROMANIA TORNINO NORMALI

La Repubblica - 21 novembre 2007 Visita ufficiale a Bucarest il 9-10 dicembre Roma - «Con la Romania da oltre 15 anni abbiamo un rapporto economico rilevantissimo e abbiamo tutto l`interesse a che le relazioni economiche bilaterali ritornino sul binario della normalità: per le imprese italiane che operano in Romania come per quelle rumene che lavorano nel nostro Paese. Siamo d`accordo sul principio che bisogna contrastare l`illegalità, evitando tuttavia che sui temi della sicurezza prevalgano toni demagogici». Lo ha affermato ieri Emma Bonino, ministro per il Commercio internazionale e le politiche europee dopo l`incontro di Roma con il ministro rumeno per le imprese e il commercio, Ovidiu Silaghi. Ora, sottolinea, «bisogna abbassare la tensione e continuare a lavorare in modo proficuo per entrambi». Anche per questo Emma Bonino ha annunciato l`intenzione di effettuare il 9 e 10 dicembre una visita ufficiale a Bucarest. I rapporti socio-economici con la Romania si sono intensificati dagli inizi degli anni Novanta e oggi sono oltre 23.500 le imprese italiane attive sul territorio rumeno, soprattutto nella zona di Timisoara. Il capitale italiano investito ammonta ad oltre 850 milioni di euro, otto banche con capitale italiano operano in Romania. E sono circa 17.000 le imprese e le attività commerciali avviate in Italia da cittadini rumeni. «Siamo il primo partner commerciale della Romania e siamo determinati a restare tali - ha aggiunto Bonino – nel 2006 l`interscambio ha raggiunto, per la prima volta, la cifra record di 10,6 miliardi di euro. Ci sono ancora spazi per migliorare la nostra presenza nel campo delle infrastrutture, della logistica, nel settore energetico così come in quello dell`agroindustria e del tessile».





Altri articoli su:
[ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Commercio Estero ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info