sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


RADICALI-VELTRONI, DUELLO SULLE SCELTE. PANNELLA FA LO SCIOPERO DELLA SETE

Il Corriere della Sera - 6 marzo 2008 Il leader radicale: il Pd ci vuole fuori. La replica: le battaglie civili sono altre di Gianna Fregonara Roma - «Siamo alle solite, anche questa volta giocano sulla cotenna di Maria Antonietta Coscioni». Non usa il fioretto Marco Pannella, in sciopero della sete da ieri mattina per protestare contro la «parola infranta» da Walter Veltroni che non ha garantito i nove posti sicuri nelle liste per i radicali. Non una svista del vertice del Pd, quei tre posti «incerti» e in particolare il quinto posto in Friuli per la moglie di Luca Coscioni. Ma secondo Pannella tin vero e proprio atto politico contro una delle figure più rappresentative della lotta dei radicali per la libertà di ricerca. Da ieri è guerra aperta tra i radicali e il Pd. E’ vero che i candidati pannelliani hanno firmato dal notaio l`accettazione della candidatura, anche se manca ancora il sì della Bonino. Proprio a lei ieri ha telefonato, molto arrabbiato, Walter Veltroni che le ha detto: non tirate troppo la corda perché siete fuori. In pubblico il leader del Pd è stato altrettanto duro: «Le liste non si possono modificare - ha spiegato parlando a Massa -. Con i radicali abbiamo fatto un patto e non è stato semplice. È cominciata una cosa faticosa: prima chiedevano i soldi e glieli abbiamo dati, poi di mettere per iscritto un patto e lo abbiamo fatto. Ma un accordo politico non è un tram dove si prenotano i posti e si Viene portati». E ancora: «Le candidature non sono un buon motivo per fare lo sciopero della sete, meglio farlo per grandi battaglie civili». Pannella ha cominciato comunque la sua protesta. Ufficialmente non per le tre candidature incerte, ma contro





Altri articoli su:
[ Italia ] [ Nonviolenza ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Italia ] [ Nonviolenza ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Italia ] [ Nonviolenza ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info