sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 dicembre 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


I VESCOVI E IL VOTO: DECIDERE IN BASE AI VALORI

Il Corriere della Sera - 19 marzo 2008 La Cei chiede di cambiare la legge elettorale e auspica le preferenze: senza cÔÇÖ├Ę unÔÇÖoligarchia di Luigi Accattoli Roma - Una richiesta netta al,prossimo Parlamento: ┬źcambiare la legge elettorale┬╗, accompagnata dal richiamo degli elettori a decidere in riferimento ai ┬źvalori┬╗ oltre che in risposta alle ┬źemergenze┬╗. Infine un lamento sull`┬źassenza┬╗ dal dibattito elettorale del ┬źtema della scuola┬╗ e sulla ┬źmarginalit├á a cui ├Ę costretto quello della famiglia┬╗. Sono le ┬źriflessioni┬╗ che il vescovo Giuseppe Betori, segretario della Cei, ha confidato ieri ai giornalisti presentando il ┬źcomunicato finale┬╗ sui lavori del Consiglio permanente che si era tenuto la scorsa settimana. Le parole pi├╣ forti Betori le ha dedicate alla legge elettorale: ┬źSarebbe veramente auspicabile che il sistema elettorale tornasse a dare pi├╣ democrazia a questo Paese. Il prossimo Parlamento dovrebbe cambiare la legge elettorale e ridare ai cittadini la possibilit├á di scegliere i propri rappresentanti┬╗. Ha detto anche che senza le preferenze ┬źc`├Ę un potere oligarchico di fatto┬╗. La ragione di tanta convinzione il vescovo l`ha chiarita rispondendo a un`altra domanda sul voto dei cattolici, quando ha detto che la loro valutazione ┬źdovr├á riguardare sia il programma che viene proposto sia le persone presenti nelle liste┬╗. Pi├╣ volte i commentatori cattolici hanno fatto osservare che l`impossibilit├á per l`elettore di scegliere tra i candidati finisce con il mortificare quel secondo ┬źdiscernimento┬╗. La Chiesa italiana - ha detto ancora Betori richiamando quanto affermato la settimana scorsa dal cardinale Bagnasco, presidente della Cei - non si schiera con nessun partito, ma ricorda agli elettori i ┬źvalori irrinunciabili┬╗ della difesa della vita, della tutela e del sostegno alla famiglia e dell`impegno per ┬źbene comune┬╗. La richiesta di una revisione della legge elettorale formulata da Betori ├Ę stata lodata da molti: da Francesco Storace della Destra che gli riconosce di ┬źdire la verit├á┬╗ ad Antonio Mantovano del Pdl che dice ┬źva preso sul serio┬╗, a Mario Baccini della Rosa Bianca che afferma ┬źfaccio mio il suo appello┬╗, a Massimo Donadi (Idv) che invita a ┬źricordare chi ha voluto quella legge sciagurata┬╗, a Franco Marini presidente del Senato che ha ricordato il ┬źtentativo┬╗ che condusse ┬źdi modificare la legge prima delle elezioni┬╗. Per Pier Ferdinando Casini, Udc, il richiamo di Betori ai ┬źvalori┬╗ non ├Ę un ┬źappoggio┬╗ alla sua formazione ┬źperch├ę la Cei ├Ę fuori dalla politica┬╗ e ┬źnon ├Ę opportunismo clericale difendere l`identit├á cristiana del Paese┬╗. La convivenza di radicali e cattolici nel Pd ha provocato alcune vivaci battute della radicale Emma Bonino a Sky Tg24: ┬źIo radicale sono e radicale sar├▓┬╗ e ┬źforse a disagio ├Ę la Binetti, ma non so che farci, prender├á una camomilla┬╗.





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]


- WebSite Info