sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 giugno 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> ANSA


BASTA PROIBIZIONISMO, APPELLO 107 EURODEPUTATI

Strasburgo. Centosette eurodeputati di sei gruppi politici hanno firmato oggi a Strasburgo un appello all'Onu perché alla prossima conferenza sulla droga di Vienna nell'aprile 2003 proceda a una revisione delle sue attuali strategie protezionistiche. Lo hanno annunciato in una conferenza stampa nella sede dell'Europarlamento il radicale Marco Cappato e il capogruppo verde Dany Cohn Bendit, all'origine dell'iniziativa. Nel documento, i 107 firmatari hanno chiesto anche al consiglio dei ministri Ue di procedere a un riesame delle politiche europee antidroga. "La guerra contro la droga non si puo' vincere cosi" ha detto Cohn Bendit. "Cosi come è condotta ha il solo risultato di rafforzare la mafia della droga" ha accusato il leader dei verdi europei. Il socialista spagnolo José Maria Mendiluce, ex inviato Ue nei Balcani, ha parlato di un "clamoroso fallimento della politica Onu, che con una linea ipocrita contribuisce solo a rendere più forte il crimine organizzato: ogni anno aumenta la capacità di corruzione della mafia, sulla polizia, sui politici, ogni anno più paesi sono sotto influenza" ha affermato. I 107 firmatari dell'appello di Strasburgo, ha spiegato Marco Cappato, chiedono una revisione delle convenzioni Onu "che sono alla base del fallimento delle politiche impostate sul proibizionismo" e la loro sostituzione con una strategia ispirata alle esperienze già attuate "di riduzione del danno, depenalizzazione di alcune sostanze, distribuzione controllata di altre" e su una proposta di "controllo legale, di regolamentazione legale, delle sostanze oggi proibite". La situazione attuale, ha detto la verde olandese Kathalijne Buitenweg, ha creato situazioni paradossali in Olanda, dove nei coffee shop è possibile acquistare, in tutta legalità, droghe leggere che i proprietari dei locali pero' devono comprare sul mercato illegale. Il governo ha spiegato, ha precisato, di avere le mani legate dalle convenzioni internazionali. Occorre, ha concluso Cappato, "mettere sotto controllo legale un mercato che oggi è affidato alle mafie e al crimine organizzato". L'appello è stato firmato, fra gli italiani, da diversi eurodeputati Ds, a cominciare dalla capogruppo Pasqualina Napoletano, dai liberaldemocratici Luciana Sbarbati e Marco Formentini, dai Pdci Armando Cossutta e Lucio Manisco, dai prc Giuseppe Di Lello e Luigi Vinci, da tutti i radicali, compresi Emma Bonino e Marco Pannella, come pure da praticamente tutto il gruppo verde europeo.





Altri articoli su:
[ Droghe ]

Comunicati su:
[ Droghe ]

Interventi su:
[ Droghe ]


- WebSite Info