sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 ottobre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Tempo


INFLESSIBILE E FEMMINILE COSI RINASCE IL PAESE

Il Tempo - 8 aprile 2008 di Costanza Rizzacasa Monnezza, mozzarella alla diossina e vino adulterato. Scandali che rischiano di compromettere in maniera indelebile la percezione dell`Italia all`estero, vanificando anni di lavoro per promuovere il made in Italy. E poi ancora. Consumi in picchiata, un`inflazione alle stelle, una pressione fiscale al 43,3%, una crescita economica vicina allo zero e retribuzioni tra le più basse d`Europa. Per non parlare di servizi alle famiglie quasi inesistenti e del numero sempre maggiore di piccole e medie imprese che finiscono sulle liste dei cattivi pagatori. Il. Paese, insomma, è allo stremo. Come risollevarlo? Una proposta al femminile arriva dal ministro del Commercio estero Emma Bonino, che alle elezioni amministrative di Roma sarà presente con la Lista Bonino-Radicali a sostegno della candidatura di Rutelli a sindaco e di Zingaretti alla presidenza della Provincia. Bonino che sull`agro-alimentare considera «la tolleranza zero come l`unica strada percorribile per tutte le trasgressioni che arrecano danno alla salute, anche ricorrendo alla radiazione da qualsiasi attività produttiva o commerciale. Perché solo con l`inflessibilità nel controllo di qualità le ricadute di incidenti di questo tipo potranno essere evitate». Un capitolo a parte è poi il sostegno alle aziende, dove la riduzione di 5 punti del costo del lavoro nel 2007 e l`abbassamento dell`aliquota Ires nella Finanziaria 2008 sembrano la proverbiale goccia nel mare. «Bisogna creare condizioni di mercato tali da ridurre i costi che gravano sulle imprese spiega la candidata del Pd in Piemonte - sia quelli della bolletta energetica sia quelli del carico amministrativo, continuando ad alleviare il carico fiscale». Ma se aiutare le imprese è importante, aiutare le Famiglie, intese per nuclei monoparentali o di conviventi che si vogliono bene nei modi più diversi, lo è forse anche di più. «L`obiettivo è quello di fare ripartire i consumi e la domanda interna, di dare maggiore potere d`acquisto ai redditi dei lavoratori e dei pensionati senza innescare una ripresa dell`inflazione. Per questo occorre un intervento di emergenza costituito da un sostegno al reddito delle famiglie e alle pensioni, mediante operazioni di politica dei redditi sulle tariffe, la riduzione delle aliquote Irpef dal prossimo anno e incrementi salariali detassati, legati alla produttività in azienda». Un obiettivo, dice, che sarà possibile raggiungere solo sostenendo la donna, «mettendola nelle condizioni di lavorare, di fare carriera, contribuendo alla ricchezza del Paese e della sua famiglia, anziché delegarle i compiti del welfare. Non a caso, il disagio economico si avverte soprattutto nei nuclei monoreddito, dove lavora solo il marito o il capofamiglia è una donna sola mal retribuita. Recuperare il divario che ci separa da Paesi che hanno meglio saputo far leva sulla risorsa femminile è prioritario. Anche in situazione critica di disponibilità finanziaria».





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info