sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 settembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> La Repubblica


“UNO SCANDALO L’EGOISMO DEI RICCHI L’AGRICOLTURA UE E’ DROGATA DAI SUSSIDI”

La Repubblica - 14 aprile 2008 Bonino: è ora di cambiare politiche, basta con la vecchia ricetta degli aiuti di Roberto Mania «La politica agricola europea non solo è scandalosa, ma è diventata ormai insostenibile. Ogni vitello che nasce da noi riceve circa un paio di dollari al giorno di sussidio! Così non si può andare avanti. Non si può pensare che in altri paesi del mondo la gente accetti di morire di fame calma e tranquilla, senza ribellarsi». La nuova crisi mondiale ha tante cause e tanti colpevoli, secondo Emma Bonino, ministro uscente per il Commercio estero e le Politiche europee. Ci sono l`impennata del prezzo del petrolio, l`aumento della domanda di prodotti alimentari, la crescita demografica. Ma ci sono anche la miopia e l`egoismo dei paesi ricchi. Perché va cambiata anche la politica agricola europea? «La Pac (la politica agricola comunitaria), e lo dico da anni, assorbe circa il 50 per cento dei fondi Ue per sovvenzionare con la mano destra un`agricoltura europea in perdita, che fa concorrenza ai paesi in via di sviluppo che, poi, con la mano sinistra finanziamo attraverso accordi di associazione. Rivedere la politica agricola europea è davvero urgente. E l`Italia può giocare un ruolo da protagonista se solo si desse la forza per farlo». La Fao ha lanciato l`allarme: servono 500 milioni di dollari per l`emergenza per aiutare i paesi colpiti dalle carestie. Dal G7 di Washington è arrivata una forte preoccupazione perché un miliardo di persone vive con un dollaro al giorno. I Grandi si sono detti pronti a intervenire. Le sembra credibile questa posizione quando in Europa, l`Italia, la Francia e la Gran Bretagna nel 2007 non hanno mantenuto gli impegni presi a favore dei paesi in via di sviluppo, riducendo i propri aiuti rispetto al Pil come ha denunciato il presidente della Commissione Barroso? «Chi è senza peccato scagli la prima pietra. Ma quella che abbiamo davanti è una crisi così ampia che ha poco a che vedere con la stantia routine degli aiuto allo sviluppo. Qui stiamo assistendo a una crisi planetaria di fronte alla quale l`agenda politica dovrà essere stravolta mettendo la questione in cima alla lista delle priorità da affrontare come comunità internazionale». Cosa pensa della proposta dell`Onu di una moratoria di cinque anni sulla produzione di biocarburanti che negli Stati Uniti sottraggono terreno coltivabile a mais? «La moratoria da sola non può rappresentare la soluzione miracolistica, ma può essere utile se parte di un pacchetto di misure: ad una crisi causata da una serie di motivi occorre rispondere con una serie di soluzioni. D`altra parte mi pare che la situazione sia sufficientemente critica per motivare una serie di decisioni drastiche. Invece, continuando così, ignorando il problema, non può che spingerci verso il baratro. Ricorderà la battaglia di noi Radicali contro la fame nel mondo nella prima parte degli anni `80. Ebbene, le conseguenze questa volta rischiano di essere ancora più devastanti perché in vent`anni la popolazione nei paesi più colpiti dalla penuria si è moltiplicata». L`India ha bloccato le esportazioni del riso. Come giudica questa decisione? Chi ne pagherà le conseguenze? «Non dimentichiamoci che il riso basmati è l`alimento base in India. Il fatto che abbia raggiunto il prezzo di due euro al chilo lo mette fuori dalla portata della stragrande maggioranza dell`oltre un miliardo di abitanti. Mi sembra che quella decisione fosse obbligata, anche perché in India le capacità di processare e soprattutto di conservare i prodotti alimentari sono scarse. Chi pagherà? Credo che la domanda andrà rivolta al prossimo vertice di giugno della Fao a Roma e al G8 in Giappone».





Altri articoli su:
[ Africa ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Fame nel Mondo ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Politiche Europee ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Africa ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Fame nel Mondo ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Politiche Europee ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Africa ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Economia ] [ Fame nel Mondo ] [ Globalizzazione ] [ India ] [ Politiche Europee ] [ Subcontinente indiano ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info