sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Gazzettino


I MERCATI EUROPEI RAFFORZANO L’EXPORT ITALIANO

Il Gazzettino - 17 aprile 2008 Nei primi due mesi del 2008 miglioramento dell’11%. Forte ridimensionamento delle importazioni Si moltiplicano i segnali di un rallentamento per le esportazioni italiane nonostante i saldi della nostra bilancia commerciale migliorino grazie alla brusca frenata delle importazioni innescata dal rallentamento dei consumi interni. L`analisi di Assocamerestero sostiene che «su questi risultati sembra aver agito l`effetto combinato dell`incertezza dei mercati internazionali e della contrazione di ordini e scorte di magazzino, segnalato recentemente anche da altri osservatori». Sebbene le performance delle nostre esportazioni nei primi mesi del 2008 rimangono positive, dal confronto coni tassi di crescita dello stesso periodo del 2007 emergerebbero segnali di rallentamento. «Nel periodo gennaio-febbraio 2007 - indica la nota dell`organismo - l`export verso i Paesi UE cresceva al ritmo del 15,3% (a fronte del 6,7% del 2008), così come il totale delle vendite di prodotti italiani nel mondo (13,9% contro 11,1%)». Riguardo all`import dall`Europa, invece, dal +10,1% del 2007 si è passati al +4,8% del 2008. Più lieve il calo delle importazioni complessive «con ritmi di crescita che variano però dal 9% al più recente 8,2%». Fattore importante comunque è proprio il dato relativo alle esportazioni all’interno del perimetro europeo se non addirittura in Eurolandia. Infatti, spiega Assocamereestero «Il surplus verso l’Europa passa da 530 milioni di euro dei primi due mesi del 2007 al oltre 1,14 miliardi nel 2008; si riduce inoltre il deficit verso il resto del mondo dai 5,5 miliardi di euro dello scorso anno ai 4,5 miliardi del periodo più recente». Soddisfazione viene dal ministro per il Commercio estero, Emma Bonino. «L’analisi dei dati Istat sull’interscambio commerciale di febbraio con i paesi Ue, malgrado un significativo peggioramento della congiuntura internazionale, evidenzia ancora una volta la notevole crescita delle nostre esportazioni pari al 6,4%» commenta l’esponente radicale. Analizzando i dati, Bonino sottolinea che «tengono i mercati tedesco e francese, e continua a crescere a due cifre l’export verso i mercati dell’Europa Centrale (con punte del 20% circa in Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Bulgaria), mentre frenano le esportazioni verso i Paesi Ue che più risentono dell’impatto della crisi immobiliare e finanziaria (Spagna, Irlanda e Regno Unito)». Il ministro rimarca inoltre che «continua l’apporto molto positivo del settore manifatturiero agli scambi commerciali sia con i Paesi extra Ue che con quelli Ue. Nel primo bimestre 2008 il surplus manifatturiero italiano con questi ultimi è stato di 2,1 miliardi e quello complessivo con il mondo di ben 7,6 miliardi». Quanto all’export, a febbraio è proseguito il buon andamento di «quasi tutti i settori portanti del Made in Italy. L’interscambio complessivo con il mondo registra nel bimestre – conclude il ministro – un aumento dell’export dell’11,1%, decisamente elevato ed in linea con il trend dell’ultimo biennio, mentre il saldo (su cui grava strutturalmente la bolletta energetica) è stato negativo per 4,5 miliardi ma in calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno quando fu di 5,6 miliardi».





Altri articoli su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info