sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 settembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Sole 24 Ore


FRODI, BRUXELLES PRESENTA IL CONTO

Il Sole 24 Ore - 18 aprile 2008 Il ministro Bonino ha istituito un comitato ad hoc ma pesano la durata dei processi e l‚Äôinerzia del passato di Claudio Gatti La piaga delle frodi comunitarie costituisce un tema discusso e studiato da tempo. Si discetta se l`Italia abbia il record delle irregolarit√† dell`Unione Europea perch√© ha pi√Ļ truffatori e pi√Ļ amministratori incompetenti degli altri Stati membri oppure perch√©, come ha sottolineato l`attuale ministro per le Politiche europee Emma Bonino il 6 marzo scorso a Bruxelles, √® il Paese con gli investigatori pi√Ļ bravi e pi√Ļ scrupolosi. Insomma, il primato italiano potrebbe non essere quello delle irregolarit√† bens√¨ quello della sorveglianza, perch√© gli altri non controllano n√© denunciano quanto noi. Il record di cui invece pochi parlano √® quello del mancato recupero dei fondi elargiti ma poi risultati frutto di frodi o di irregolarit√† procedurali. Fino a poco tempo fa, il fatto che l`Italia trascurasse questo adempimento veniva per lo pi√Ļ ignorato da Bruxelles. Che si faceva perci√≤ carico dei suoi costi. Ma non √® pi√Ļ cos√¨. Da Bruxelles hanno cominciato a presentarci i conti. E sono salatissimi. Al Sole 24 Ore risulta che tra pochi giorni ne stia per arrivare uno da 200 milioni. Ma in totale s√¨ parla di una cifra che potrebbe superare il miliardo. In Italia l`approvazione del regolamento sui contributi comunitari, il 1290/2005, √® passata del tutto inosservata. Nonostante includesse una novit√† molto significativa proprio sulla questione dei recuperi, una norma a prova di furbi. Nel senso che pu√≤ essere ignorata ma non c`√® modo di evitarne l`applicazione. Il regolamento prevede infatti che, dopo un certo periodo di tempo, il mancato recupero venga addebitato allo Stato membro attraverso una detrazione automatica dai contributi futuri. La gravit√† delle possibili ripercussioni sull`Italia di questa nuova normativa √® stata evidenziata dagli addetti ai lavori nel corso di una riunione tenuta il 30 gennaio 2007 presso il Dipartimento delle Politiche comunitarie. Fu una sorta di summit dei massimi dirigenti delle amministrazioni statali interessate. Del quale Il Sole 24 Ore ha ottenuto un resoconto scritto a fini interni (e quindi senza remore). A mettere a fuoco il problema fu Salvatore Vecchio, all`epoca direttore del Servizio autonomo interventi settore agricolo (Saisa), il dipartimento dell`Agenzia delle Dogane che gestisce le azioni giudiziarie relative all`accertamento delle frodi comunitarie e alla riscossione dei fondi agricoli indebitamente percepiti. Ecco cosa si legge nel resoconto: ¬ęI1 dottor Vecchio (...) ha rappresentato che le conseguenze finanziarie previste dal Regolamento CE 1290/2005 si rendono applicabili a tutti i contesti di irregolarit√† e frode (...) per i quali non si √® ancora conseguito il recupero totale alla data del i6 ottobre 2006 e non archiviati entro la suddetta data; conseguentemente, decorsi infruttuosamente otto anni decorrenti dalla data dell`accertamento dell`illecito, scatta un meccanismo finanziario automatico che comporta l`imputazione all`Erario`nazionale di almeno il 50% dei relativi importi non riscossi. La Commissione si riserva peraltro di imputare al bilancio nazionale l`intero importo non recuperato qualora ravvisi situazioni di negligenza. Tale disposizione normativa determiner√† dannose conseguenze finanziarie per quei Paesi, come l`Italia, nei quali i procedimenti giudiziari penali e soprattutto quelli civili (...) hanno una durata complessiva mediamente molto superiore ai io anni. La lunghezza dei processi italiani rappresenta una rilevante criticit√†, alla quale deve aggiungersi il dato statistico non particolarmente positivo dei risultati dell`attivit√† dei recuperi dei crediti comunitari¬Ľ. Per rendersi conto della situazione, basti sapere che il pi√Ļ antico credito non riscosso dell`Agea risale a ben 28 anni fa, che ci sono ancora da recuperare ben 553,5 milioni e che, nonostante gli sforzi fatti negli ultimi anni su stimolo anche della Corte dei conti, nel corso del 2007 l`Agea √® riuscita a farsi restituire appena 1,38 milioni di euro (erano stati 5,6 nel 2006 e 8,4 nel 2005). Su altri 121,6 milioni ci si √® invece arresi sono stati protocollati come "irrecuperabili" e quindi da accollare per intero a Bruxelles. Questo per quel che riguarda i fondi agricoli, fronte sul quale Agea e Saisa hanno dato dimostrazione di grande trasparenza. Quanto ai cosiddetti fondi strutturali, al Sole 24 Ore non √® stato invece possibile ottenere dati. Sebbene il Dipartimento delle Politiche comunitarie ci abbia ufficialmente comunicato che ¬ęnotizie in merito agli importi restituiti o dedotti possono essere acquisite all`Ispettorato generale per i rapporti finanziari con l`Unione Europea (Igrue) presso il ministero dell`Economia e delle Finanze¬Ľ, il ministero ci ha informato che ¬ęla divulgazione (dei dati) non √® opportuna in quanto pu√≤ portare a conclusioni errate sul fenomeno delle restituzioni¬Ľ. Come dire: per non confondere le idee agli italiani sul tema dei mancati recuperi, meglio tenere tutto nascosto. Rimane poi ancora aperta la questione dei 310 milioni che, nell`ottobre 2006, la commissione europea ha stabilito che l`Italia deve restituire. L`Avvocatura dello Stato ha fatto ricorso al Tribunale di primo grado delle Comunit√† europee a Lussemburgo. Il Sole 24 Ore ha acquisito una copia della bozza ditale ricorso. Seppure intenda dimostrare la buona fede e l`impegno dello Stato italiano, questo documento √® d√¨ fatto un atto di accusa contro il sistema pubblico. La tesi, presentata con dovizia di particolari, √® imbarazzante: Bruxelles non ha diritto di addebitarci il costo del degrado giudiziario-amministrativo italiano perch√©, seppur senza risultati, lo sforzo per recuperare i soldi l`Italia lo ha comunque fatto. ¬ę(La Commissione) ha riscontrato 59 casi che risalgono a prima del 1999 i cui procedimenti di recupero sono tuttora pendenti presso i tribunali nazionali bench√© le autorit√† nazionali si siano fatte finora parte diligente per la loro soluzione¬Ľ, scrive l`Avvocatura di Stato. Che poi cita casi specifici, come quello dell`azienda La Sorrentina, che dal 1989 deve restituire 3.153.808 euro: ¬ęDagli atti si evince che l`Aima (agenzia che ha preceduto l`Agea, ndr) sospese a titolo di recupero la liquidazione del contributo per la campagna pomodoro-pesche 1986/87. Tale sospensione diede origine a un contenzioso che si concluse a favore di Agea. Tale giudizio √® poi proseguito da parte degli eredi del legale rappresentante della societ√†, conclusosi con sentenza del Tribunale civile favorevole all`Agea. Avverso tale sentenza √® stato proposto appello, il cui procedimento √® ancora in corso¬Ľ. Dal 1989! Oltre i limiti del ridicolo √® invece il caso dell`Eridania: ¬ęCon provvedimento del21 dicembre 1998, il procedimento penale veniva archiviato in considerazione del fatto che non sussisteva l`ipotesi di reato. La frode segnalata (...) non aveva alcuna fondatezza. L`Agenzia nel corso degli anni ha tentato a pi√Ļ riprese di entrare in possesso del decreto di archiviazione, ma per motivi di trasferimento degli uffici i fascicoli presso il Tribunale di Ravenna erano introvabili¬Ľ, ricorda il testo dell`Avvocatura dello Stato. Di fronte alla pesantezza delle possibili conseguenze economiche, il ministro Bonino e il Governo uscente non sono per√≤ rimasti con le mani in mano. L`iniziativa pi√Ļ recente √® stata l`approvazione del decreto n. 59 (pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale l`8 aprile scorso) con cui s`impone una corsia preferenziale ai contenziosi comunitari, riducendo cos√¨ il periodo che intercorre tra procedimenti cautelari e decisioni di merito nei ricorsi ai giudici civili e tributari. Occorre dire che questo √® solo l`ultimo di una serie di passi intrapresi: negli ultimi 20 mesi Emma Bonino, essendo arrivata al Governo dopo un`esperienza alla Commissione europea, si √® dimostrata sin dall`inizio particolarmente sensibile alla questione dell`immagine dell`Italia a Bruxelles. La sua prima decisione √® stata quella di rivitalizzare un cadavere, e cio√® il Comitato per la lotta contro le frodi comunitarie. ¬ęFino al 2oo6, il Comitato √® stato... in sonno. Alcuni membri erano morti, altri erano andati in pensione, altri ancora erano irreperibili oppure avevano lasciato l`amministrazione¬Ľ, ci spiega Maria Enrica Puoti, vice-capo gabinetto del ministro. Seconda, importante decisione: la costituzione di un sottogruppo all`interno del Comitato con il compito di realizzare un "ambiente informatico comune", e cio√® una banca dati alimentata da ogni singola amministrazione interessata. Perch√© oggi non esiste un registro nazionale delle frodi comunitarie, n√© tantomeno dei debitori. ¬ę√ą stata un`ottima iniziativa del ministro¬Ľ, ci spiega un funzionario statale che chiede l`anonimato. ¬ęPerch√© non √® solo il sistema giudiziario a non funzionare. √ą anche la macchina amministrativa. Sulla gestione dei crediti c`√® un caos totale e non esistono misure per impedire che un debitore di un`amministrazione ottenga finanziamenti da un`altra. L`unica misura disponibile contro chi truffa e non restituisce i fondi √® il fermo amministrativo, un atto del tutto inutile. Mi spiego: il fermo deve essere inviato con modulo cartaceo riempito a mano a ogni singola amministrazione statale. Ma ammesso che lo si invii, la norma √® che venga archiviato in un faldone d√¨ quelli riservati agli incartamenti inutili. E sarebbe devastante se avvenisse il contrario, cio√® se ognuno bloccasse somme equivalenti a quelle del fermo amministrativo. Si congelerebbero infatti pagamenti per multipli dell`ammontare dovuto perch√© nessuno saprebbe chi altro ha bloccato i fondi. Ben venga quindi una banca dati nazionale elettronica. Perch√© per affrontare un problema bisogna innanzitutto conoscerlo. Oggi si conosce ben poco¬Ľ. Sul fronte dei mancati recuperi, la stessa Puoti ammette per√≤ che la situazione rimane ¬ędisastrosa¬Ľ, e in particolare che l`incapacit√† delle Regioni a effettuare recuperi ¬ę√® un problema enorme¬Ľ. ¬ęI fondi comunitari vengono in generale trattati in modo distratto¬Ľ, commenta l`ex prefetto Bruno Ferrante, fino a luglio 2007 Alto commissario anti-corruzione. ¬ęE le amministrazioni regionali non sembrano avvertire l`esigenza di affrontare la problematica dei mancati recuperi, nonostante abbia dimensioni importanti e una ricaduta economica notevole¬Ľ. A questo proposito, al Sole 24 Ore risulta che un`altra misura presa dal Governo non √® stata invece accolta con entusiasmo da chi si occupa di lotta alle frodi comunitarie sia in Italia che a Bruxelles (anche se nessuno ha voluto rilasciare commenti ufficiali). Ci riferiamo alla circolare del i2 Ottobre 2007intitolata ¬ęModalit√† di comunicazione alla Commissione europea delle irregolarit√† e frodi a danno del bilancio comunitario¬Ľ con cui il Governo √® voluto intervenire sulla "qualit√†" dei controlli e delle segnalazioni di frodi e irregolarit√†. Per evitare ¬ęl`inoltro alla Commissione europea di comunicazioni su presunte irregolarit√† che si rivelino a un pi√Ļ completo esame in tutto o in parte inesistenti¬Ľ, la circolare stabilisce che ¬ęprima di procedere alla comunicazione √® da ritenere indispensabile una valutazione dei fatti emersi e degli elementi rilevati¬Ľ. E aggiunge che ¬ętale valutazione non pu√≤ che essere compiuta dagli organi decisionali preposti alle diverse provvidenze comunitarie, i quali, una volta ricevuto un atto o una segnalazione per un caso di sospetta irregolarit√† o frode, (ne) verificheranno (la fondatezza) senza ritardo¬Ľ. Che cosa si intenda per ¬ęsenza ritardo¬Ľ in un Paese in cui l`Avvocatura dello Stato √® costretta a chiedere venia per l`incredibile lungaggine di qualsiasi pratica giudiziario-amministrativa, la circolare non lo spiega. Non basta, la circolare attribuisce a quegli stessi organi dimostratisi del tutto inefficaci nei recuperi- cio√® le Regioni - la responsabilit√† aggiuntiva di valutare la fondatezza delle segnalazioni fatte dagli organi della cui efficacia invece ci si vanta - cio√® quelli investigativi. Senza peraltro stanziare nuovi fondi o prevedere alcuno strumento supplementare. Anche per questo il parere dell`ex Alto commissario anti-corruzione Ferrante non √® affatto favorevole: ¬ęDall`Italia partono indubbiamente molte segnalazioni, e questo fa scattare i tempi entro i quali occorre fare il recupero. Ma spostare i termini delle segnalazioni √® un modo surrettizio per eludere il problema. La soluzione √® piuttosto quella di riuscire a fare tempestivamente il recupero¬Ľ. Il decreto dello scorso 8 aprile sar√† senza dubbio di aiuto, ma tra gli addetti ai lavori circolano anche altre proposte per facilitare l`opera di recupero. Le elenchiamo in ordine sparso: prevedere un`azione immediata di sequestro e confisca di beni, imporre la liquidazione della somma in questione in sede penale anzich√© rinviarla al civile, indicare nei bandi che nel caso di irregolarit√† si risponde anche alla Procura della Corte dei conti, rivedere le regole delle fideiussioni che solitamente vengono lasciate scadere, valutare la possibilit√† di iscrivere ipoteca sui beni finanziati, e soprattutto interrompere i termini di prescrizione con l`inizio della procedura giudiziaria. L`importante adesso che √® che il nuovo Governo non perda interesse per la questione, bens√¨ continui l`opera avviata dal ministro Bonino. Con l`obiettivo di raggiungere una capacit√† d`intervento equivalente a quella degli altri grandi Paesi europei. Altrimenti, dopo la monnezza e la mozzarella, a screditarci ulteriormente agli occhi dei nostri partner arriverebbe la terza M: la melina. Sui recuperi dei fondi finiti a chi truffa l`Uinione Europea.





Altri articoli su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Politiche Europee ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info