sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 marzo 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


LETTERA DI BERLUSCONI, BAGARRE AL SENATO. VELTRONI: STRAPPATA LA TELA DEL DIALOGO

Il Corriere della Sera - 18 giugno 2008 di Roberto Zuccolini Roma - La lettera di Berlusconi a Schifani, quel sostegno esplicito all`emendamento blocca-processi, si conosce già dalla sera prima. Ma sentirlo leggere dal presidente del Senato in persona scatena il putiferio nei banchi dell`opposizione. E da quel momento per il Pd è guerra senza quartiere. Non solo nell`aula di Palazzo Madama. Fuori dei Parlamento tuona Walter Veltroni e decreta finita la stagione del dialogo. Lo denuncia in ben due telegiornali, quasi per ufficializzare il cambiamento di passo. Prima al Tg3: «Il presidente del Consiglio ha strappato la tela dei dialogo possibile. Avevo sperato che prevalesse il senso di responsabilità e invece sono arrivati due emendamenti per evitare i processi contro il premier. Tutto ciò riapre lo scontro nei confronti della magistratura, uno scenario già visto in questo Paese». Poi al Tg1: «Berlusconi ha messo al centro, in un solo mese, per due volte, interventi normativi che riguardano solo gli interessi personali in un Paese che ha altre urgenze: si tratta di una violazione istituzionale e politica. Sono convinto che le regole del gioco si devono scrivere insieme, ma è proprio su questo che si è prodotto lo strappo». Applaude Antonio Di Pietro, a cui non è mai piaciuta la linea dialogante con il presidente del Consiglio. E dice al segretario del Pd: «Benvenuto nel club degli occhi aperti: ora ricompattiamoci in un`unica opposizione». Dall`altra parte della barricata Paolo Bonaiuti irride allo «strappo» denunciato da Veltroni: «Crede forse di essere Penelope? In realtà è lui ad avere strappato la tela del dialogo». E Fabrizio Cicchitto sfida il Pd: «Deve scegliere se cavalcare l`uso politico della giustizia, seguendo la forcaiola Idv, o tornare alla normalità». Ma è lungo tutta la seduta al Senato che si svolge il duello più duro tra maggioranza e opposizione. Il dibattito sul decreto sicurezza, nel quale sono stati inseriti i due emendamenti blocca-processi, si apre la mattina proprio con la lettura della lettera di Berlusconi da parte di Schifani. E quando parla di «aggressione» delle «toghe di sinistra» si scatena l`opposizione. Si alzano cartelli del tipo «impunità per il premier, tolleranza zero per gli altri» e l`Idv inneggia al giudice ricusato da Berlusconi per il processo Mills: «Siamo tutti Nicoletta Gandus». Interviene con durezza Emma Bonino e chiede che non passi all`esame dell`aula tutto l`articolato del ddl: «Non è più lo stesso che è stato firmato dal presidente della Repubblica»: Si va al voto e la richiesta del vicepresidente del Senato viene bocciata con 159 contrari e 122 favorevoli. Si tratta dell`unica votazione della mattinata. Ma il clima in aula resta acceso. Il costituzionalista del Pd, Stefano Ceccanti, denuncia: «Quegli emendamenti sono inammissibili: invece che sulla sicurezza dei cittadini vogliono un decreto sulla sicurezza del premier». L`ex girotondino Pancho Pardi, ora senatore dell`Idv, rincara la dose: «Berlusconi tratta l`aula di Palazzo Madama come un lacchè». Dopo ci sono la pausa e la conferenza dei capigruppo che decide il calendario d`aula: si va avanti ad oltranza per esaminare la marea di emendamenti presentati mentre il voto finale sul decreto è fissato per martedì prossimo alle 11. E da oggi, quindi, riprende la battaglia.





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info