sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 agosto 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Giornale


BONINO: SULLA FINE DI MOBUTU ADESSO TUTTI MI DANNO RAGIONE

di Maurizio Fubini "Ci vuole pur sempre una certa onestà per smasherare una delle più grandi menzogne del nostro tempo". Non é sorpresa, Emma Bonino, nel sentirsi dare ragione dagli stessi che l'hanno descritta come una "psicopatica ossessionata dalla questione dei rifugiati" (secondo la definizione in voga presso il nuovo regime di Kinshasa). Per mesi ha sostenuto da sola che c'era il regime ruandese dietro l'"Insurrezione", guidata da Laurent Kabila in quello che, allora, si chiamava Zaire orientale. Oggi il Commissario UE agli aiuti umanitari ha trovato la sponda più imprevista. Al Washington Post, il vice presidente ruandese Paul Kagame ha ammesso il coinvolgimento dei militari tutsi di Kigali nella "guerra civile" partita in ottobre scorso, che ha portato a maggio alla caduta di Mobutu e alla "Repubblica Democratica del Congo". Il tutto, mentre gli Stati Uniti "hanno preso la giusta decisione di lasciare che cio' avvenisse" ha aggiunto Kagame. "Non mi meraviglia-dice la signora Bonino- Per altro, le ragioni per le quali Kagame parli proprio adesso non mi interessano particolarmente". In quest'intervista al Giornale la responsabile di Bruxelles dà il senso della nuova leadership dei Grandi Laghi. A dispetto del genocidio degli Hutu (fuggiti dal Ruanda nel 1994 dopo il massacro dei Tutsi ad opera degli estremisti Hutu, quindi investiti dalla guerriglia di Kabila), i nuovi potenti rivendicano ormai la fine di Mobutu come un'operazione etero-diretta. "In fondo, Kagame è più onesto dei suoi sostenitori, quelli per cui non c’erano prove di coinvolgimento internazionale, e che non hanno voluto vedere il pericolo per le vite di centinaia di migliaia di vite innocenti e disarmati", dice la signora Bonino. Cero é ormai difficile sostenere che il "coinvolgimento", in senso lato, fosse limitato al Ruanda o all'Uganda. " Più che fornire risposte, le parole di Kagame suscitano domande- dice il commissario UE-. Washington dovrebbe spiegare cosa intende il numero due ruandese quando dice che gli USA "hanno preso la giusta decisione". Chi l'ha presa? La Casa Bianca, il Dipartimento di Stato, l'ambasciatore USA a Kigali? O i generali del Pentagono, quelli che sostenevano che non c’erano prove di rifugiati Hutu in Zaire per evitare il dispiegamento di una forza multinazionale? Non ha mai avuto simpatia per Mobutu. Ma se si applica il diritto internazionale solo per i regimi che ci piacciono, torneremo presto alla legge della giungla". Adesso Emma Bonino si vede rifiutarte per settimane l'accesso al Congo e accusa: "E' ridicolo che gli accusati delle violazioni umanitarie dettino i termini dell'inchiesta".





Altri articoli su:
[ RDC ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ RDC ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ RDC ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info