sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 gennaio 2021 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> L'Unione Sarda


TUTTI DIGIUNI PER LE DONNE AFGHANE

Oltre 4.200 personalità di più di 100 paesi del mondo hanno già aderito al satyagraha, la giornata mondiale di digiuno e non violenza, promosso per il primo dicembre da Emma Bonino e dai radicali italiani per chiedere la presenza di donne nel prossimo governo afghano. La Bonino osserva come l’azione internazionale per il riconoscimento dei diritti delle donne a Kabul rimanga indispensabile anche dopo la caduta dei talebani: «ieri per la seconda volta una manifestazione di donne a Kabul è stata vietata». Molte personalità della politica, dello spettacolo, della cultura, del jet set internazionali hanno aderito all’appello di Emma Bonino. Fra i firmatari gli ex-premier di Spagna e Pakistan, Felipe Gonzalez e Benazir Buttho, i premi Nobel Desmond Tutu, Rigoberta Menchu e Rita Levi Montalcini, il sindaco di Roma Veltroni, il segretario generale del Ppe Alejandro Agag. Decine di adesioni anche in Italia, fra cui Bertinotti, Claudia Cardinale, Severino Antinori, Franco Battiato, Stefania Craxi, Lilli Gruber, Adriano Sofri, Mara Venier, Alessandra Mussolini.





Altri articoli su:
[ Afghanistan ] [ Nonviolenza ] [ Afghanistan: Donne nel Governo Provvisorio ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Afghanistan ] [ Nonviolenza ] [ Afghanistan: Donne nel Governo Provvisorio ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Afghanistan ] [ Nonviolenza ] [ Afghanistan: Donne nel Governo Provvisorio ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info