sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 giugno 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Manifesto


“VEMIAMO USATI PER FARE COLORE”

Il Manifesto - 26 febbraio 2010 di Iaia Vantaggiato Roma - Di quel milione e duecentomila curo con cui Gennaro Mokbel l`avrebbe tirata fuori dal carcere Francesca Mambro non parla Ne parla invece suo marito Valerio Fioravanti, il fondatore dei Nar. Tra le mille e seicento pagine d`ordinanza su Mokbel due nomi «eccellenti»: Mambro e Fioravanti. Veniamo usati sì e no per far colore perché nella vicenda non abbiamo nessun ruolo se non un`amicizia - anche se amicizia è forse un termine un po` eccessivo -risalente ai tempi dell`adolescenza tra Francesca e il suo vicino di casa, Gennaro Mokbel, che all`epoca era un ragazzino coi capelli lunghi sempre in mezzo ai guai. Da allora non l`avete più rivisto? L`abbiamo rincontrato per caso oltre trenta anni dopo, ormai ricco e sposato. Ricordo che mi disse: «devo molto a tua moglie perché da ragazzino ero molto sbandato e lei era l`unica che quando mi incontrava per strada mi sgridava e mi rimandava a casa». Al telefono sostiene di aver pagato un milione e duecentomila euro per far scarcerare Francesca. Noi di soldi non sappiamo niente. A tirarci fuori sono stati la nostra storia, magistrati sereni e i nostri avvocati che - purtroppo per loro - hanno lavorato gratis. Inoltre, se le carte sono vere, io e Francesca siamo «usciti» almeno quattro o cinque anni prima dell`improvviso arricchimento di Mokbel. Ma perché Mokbel l`avrebbe detto? Non lo so. Era una conversazione privata con un amico suo, non a fini politici. Bisognerà leggere meglio le carte e poi ce lo dirà lui. E comunque non ci vedo nessun complotto. Di certo non ai nostri danni. Forse un accreditamento a destra? Noi siamo le ultime persone al mondo utili per un qualsiasi suo accreditamento. Questo è un problema di politica alta e che riguarda politici importanti. Non certo me e Francesca che siamo semplici impiegati del partito radicale che fanno un lavoro di terza fila nella campagna elettorale per la Bonino. E che siamo contenti di stare in terza fila. E di stare con la Bonino. Pensi a una manipolazione? Non da parte dei magistrati, forse da parte di alcuni giornalisti «sensibi1i» al clima elettorale. E` una storia che ci dà molta tristezza ma che dal punto di vista giudiziario non ci riguarda assolutamente per niente.





Altri articoli su:
[ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info