sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 dicembre 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Messaggero


EMMA BONINO: “ECCO LE MIE IDEE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE”

Il Messaggero - 11 marzo 2010

La candidata: meno burocrazia, strumenti per il credito

di Mauro Evangelisti

Roma - La campagna elettorale continua. Non si placa la polemica per la mancata presentazione della lista del Pdl, continua l`iter giudiziario, si preparano manifestazioni dall`una e dall`altra parte con due piazze romane che andranno a riempirsi in due sabati successivi. Intanto, Emma Bonino prova a concentrarsi sui temi principali di queste regionali. L`economia, ad esempio,. e il ruolo delle piccole e medie imprese nel Lazio. Ieri mattina ha incontrato i rappresentanti e gli operatori del settore. Ha presentato un manifesto di sette punti sulle cose da fare. Alcuni esempi: rendere permanente il Comitato per il credito alle Pmi (piccole e medie imprese) da incardinare nella presidenza della Regione, per facilitare l`accesso al credito: unire le competenze di innovazione e ricerca in un unico assessorato per lo sviluppo economico e unificare l`assessorato al lavoro e alla formazione: fornire assistenza e instradamento delle pratiche con lo sportello unico per le imprese. Ha spiegato Emma Bonino: «Il manifesto nasce dall’ascolto di tutte le rappresentanze e cerca di recepire le richieste. E’ necessario rendere istituzionale la presenza delle Pmi nelle scelte produttive della Regione». Nel manifesto si parla anche di «capitalizzazioni, reti, consorzi e filiere». di «razionalizzazione degli interventi e la concentrazione sui settori più innovativi». Infine ha anche auspicato: «Vorrei un Lazio aperto al mondo e all`Europa dove si consideri la formazione l`investimento principale per costruire lo sviluppo di un Paese o di una macro area. Per questo vorrei anche che nascesse finalmente un assessorato regionale allo Sviluppo e alla Formazione, non più due entità distinte ma unite per creare innovazione». All`incontro hanno partecipato anche il presidente della Provincia, Nicola Zingaretti, e il coordinatore della campagna elettorale di Emma Bonino, Riccardo Milana. Un altro dei temi caldi della campagna elettorale è quello della sanità, in una regione che ancora molto deve fare per il risanamento dei conti e che, a tutt`oggi, si ritrova commissariata. La candidata del centrosinistra ha incontrato gli operatori sanitari nella sala conferenze del Nuovo Regina Margherita. E già il tema dell`iniziativa chiariva quello che è l`obiettivo per il futuro, per la riorganizzazione della rete ospedaliera: "Nuova Regina Margherita: un esempio di nuova sanità". La Bonino ha parlato di «più salute e meno sanità con il decentramento le deospedalizzazione». E in un periodo di campagna elettorale in cui solitamente vale la regola di dire sì a tutto, la leader radicale è andata controtendenza affermando: «Non ha senso pensare di riaprire l`ospedale San Giacomo». Più nel dettaglio ha spiegato: «Sono d`accordo che bisogna aprire un confronto con il Comune. La chiusura del San Giacomo è avvenuta male, ma è chiaro che la struttura e la zona sono di difficile accessibilità. Da qualcos`altro va sostituito. La riapertura del San Giacomo da un lato non è possibile, dall`altro in termini di costi-benefici, fruibilità e accessibilità non è la strada su cui mettersi». Ha poi fatto un ragionamento più generale di fronte a una platea di addetti ai lavori: «La qualità dei servizi rispetto ai bisogni deve essere migliorata. Sul Bilancio della regione la spesa sanitaria pesa per il cinquantacinque per cento. C`è bisogno di un trasformazione più umanizzante e meno costosa. I costi della sanità dovranno vedere un riequilibrio e un aggiornamento dei contributi statali alla Regione. Si dovrà fare chiarezza e usare trasparenza di bilancio. E serviranno più controlli. Per fare tutto questo c`è bisogno che molti si mettano in riga e dell`appoggio dei cittadini, di chi ha sperimentato il funzionamento delle strutture. E servirà la forza della trasparenza e della legalità». Anche l`agenda di oggi prevede che l`attenzione della campagna elettorale della candidata del centrosinistra sia concentrata sul tema della sanità: alle 16 ci sarà un nuovo incontro con operatori sanitari e cittadini, alla sala Foschi dell`Ospedale San Giovanni.





Altri articoli su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info