sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 dicembre 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Messaggero


LA BONINO: “ORMAI E’ UNA SFIDA TRA ME E IL CAVALIERE, CERCHIAMO DI NON ESSERE INGENUI”

Il Messaggero - 12 marzo 2010

Roma - «Penso che da ieri lo scontro sul Lazio non è più tra Bonino e Polverini, ma tra Bonino e Berlusconi». La candidata governatrice del centrosinistra commenta così la discesa in campo in prima persona del premier. «La gente si fa un'opinione a partire dalla tv argomenta Emma Bonino -. Non essendo nemmeno iniziata una campagna elettorale di faccia a faccia, io continuo a fare riunioni con analisi approfondite ma questo non è sufficiente». La leader radicale lancia un appello: «Sblocchiamo i meccanismi per cui l'unico che parlerà agli italiani sarà Berlusconi - sottolinea - cerchiamo di non essere ingenui e capiamo cosa sta succedendo». La Bonino rende sempre più espliciti i suoi timori: «Dall'altro schieramento sarà ampiamente usato il fuoco di sbarramento - spiega -. Noi abbiamo qualche motivazione in più per essere militanti in queste ultime due settimane di campagna elettorale». Ma sulla manifestazione del centrosinistra di domani, esprime ancora qualche dubbio: «Adesso vediamo come si svolgerà. immagino di sì, però non lo so». risponde a chi le chiede conferma della sua partecipazione. Intanto, si sta completando il programma della candidata, che sarà ufficializzato lunedì. Con le parole d'ordine di «Legalità, trasparenza e progettualità» come «principi ispiratori della politica regionale». Nel documento, 48 pagine e 22 capitoli, si parla di «Un nuovo rapporto con i cittadini» con un «sistema di valutazione indipendente dell`operato dell'amministrazione» con obiettivi verificabili. La trasparenza sarà totale, tutti i dati pubblici andranno messi su Internet, che sarà centrale nel rapporto con l'istituzione. Nella bozza si parla inoltre di abolizione del quorum per i referendum regionali. Grande spazio alla green econome (no al nucleare), mentre ci si impegna a rendere «l'acqua bene pubblico». Su Roma Capitale l'idea è «una coerente iniziativa della Regione»: bisogna «evitare un pericoloso squilibrio di poteri e risorse». Ampio e dettagliato il capitolo infrastrutture, in particolare per quanto riguarda ferrovie e aeroporti. Sì a più investimenti per il reddito minimo garantito e ai prestiti d'onore, premi a chi stabilizza i precari e un Fondo contro il lavoro nero. Più accesso al credito per le Pini e sostegno al microcredito, no alle discariche non a norma e agli inceneritori, pressione sui Comuni (specie Roma) per la differenziata. Nel capitolo welfare si legge infine come nella «condanna di razzismo e omofobia» debba «essere respinta ogni ingiustificata discriminazione» nell'accesso alle prestazioni assistenziali e sull'eguale riconoscimento delle aspettative legittime». In merito all'immigrazione si pensa a un protocollo con il Viminale, che «affidi ai Comuni il rinnovo dei permessi di soggiorno».

 





Altri articoli su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info