sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 dicembre 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera (Ed. Roma)


“ORA SARA’ SCONTRO TRA ME E BERLUSCONI”

Il Corriere della Sera (Ed. Roma) - 12 marzo 2010

Bonino: noi abbiamo motivazioni in più

di Alessandro Capponi

«Da ieri lo scontro sul Lazio non è più tra me e la Polverini, ma è ormai tra me e Berlusconi». La candidata per il centrosinistra alla presidenza della Regione Lazio, Emma Bonino, va all'attacco. Critica anche la sua avversaria Renata Polverina, «colpevole» di avere a fianco «quelli che hanno lasciato dieci miliardi di euro di buco, cioè il valore di una finanziaria». E c'è anche una stoccata per il sindaco Gianni Alemanno: «Ha deciso che Roma non ha più problemi, perché lui è impegnato a fare altro...». Bonino critica quello che sta accadendo, principalmente: «La gente si fa un'opinione a partire dalla tv. Non essendo nemmeno iniziata una campagna elettorale di faccia a faccia, io continuo a fare riunioni con analisi approfondite ma questo non è sufficiente. Sblocchiamo i meccanismi per cui l'unico che parlerà agli italiani sarà Berlusconi. Cerchiamo di non essere ingenui e capiamo cosa sta succedendo». Spiega, lei, che «si vedono molte cose stravaganti. Decreti che prima servono, poi non servono più e poi chissà; chi non presenta le liste perché ha un languore di stomaco, chi si presenta dopo due ore». Si rivolge alla platea e pone una domanda retorica: «Provate voi a fare un concorso e a presentarvi due ore dopo per due panini: vi cacciano, o vi fanno un decreto interpretativo?». Quello che sta accadendo, nel Lazio e in Italia, è per Emma Bonino sufficientemente chiaro: «L'arroganza nel non rispetto delle regole ha toccato livelli preoccupanti». E così, ecco l'invito rivolti a militanti e simpatizzanti: «Cerchiamo di capire che nelle prossime due settimane di anomalie ne vedremo molte. Berlusconi farà l'agitatore di campagna elettorale, come se il candidato fosse lui. E il sindaco ha deciso che Roma non ha più problemi, perché è impegnato a fare altro. Sarebbe utile che ognuno facesse il suo mestiere: il presidente del Consiglio ha molti problemi degli italiani da risolvere e anche il sindaco Alemanno potrebbe fare il sindaco piuttosto che ricoprire ruoli impropri nell'ambito della campagna elettorale». Ciò che si aspetta, ciò che crede accadrà: «Da parte dell'altro schieramento sarà ampiamente usato un fuoco di sbarramento. Abbiamo motivazioni in più per essere militanti di questa campagna nelle ultime sue settimane. E se uno di voi ne convince un altro, forse conta». Infine, ecco la stoccata a Polverini e Storace: «Il debito accumulato dalla giunta Storace di io miliardi euro è stato ripianato. Vedere che la tua rivale si circonda degli stessi personaggi che hanno accumulato il debito e che sono in attesa di rientrare in regione, dovrebbe preoccupare gli elettori. Al centrosinistra tocca ripianare conti disastrati e poi ridare. Non è il momento di dare tutto in mano a chi aveva combinato un pasticcio non da poco».





Altri articoli su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info