sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 ottobre 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> La Repubblica (Ed. Roma)


BONINO E POLVERINI, SCAMBIO DI ACCUSE

La Repubblica (Ed. Roma) - 29 marzo 2010

Sfidanti ai segg. Renata: “Lei alla radio? Poco stile”. Emma: “Meglio il Tg1?”

di Laura Mari e Giovanna Vitale

Le ultime polemiche rimbalzano da un seggio all'altro. Neanche davanti alle urne la candidata del centrodestra Renata Polverini è riuscita a trattenersi dal lanciare l'ennesima accusa ai radicali e, quindi, alla rivale Emma Bonino. «Ospitando la candidata del centrosinistra Radio Radicale, che ha una tradizione di democraticità, ha smentito tanti anni di storia con una caduta di stile» ha commentato la Poiverini uscendo poco dopo le 11 dal seggio della scuoia Franchetti, in piazza Gian Lorenzo Bernini a San Saba. Un'accusa che si riferisce alla partecipazione della Bonino, sabato pomeriggio, all'emittente del partito radicale. «Ho l'impressione - ha replicato la Bonino - che Renata abbia idee confuse sulla legalità e sulla legge, perché Radio Radicale, essendo un organo di partito, può trasmettere anche durante il silenzio elettorale». Accolta da applausi e strette di mano, dopo il voto nel seggio della scuola "Virgilio" in via Giulia, la candidata del centrosinistra ha poi precisato che «se la Polverini vuole accomodarsi a Radio Radicale, io faccio il cambio molto volentieri evado al Tg1, al Tg2, al Meteo, al Tg4, a Studio Aperto e a Unomattina...». Inevitabile, poi, il riferimento ai "gladiatori del voto" del Pdl, cinquemila rappresentanti di lista messi in campo dal Popolo della Libertà per difendere l'intenzione di voto degli elettori della Polverini e salvare le schede nulla. «Nel vademecum consegnato dalla Lega Nord la legge è spiegata molto bene-ha detto la Bonino uscendo dal seggio - e si dice infatti che se un signore non è candidato in nessuna lista, la scheda è nulla perché potrebbe essere un tentativo per far riconoscere il proprio voto». Ma Andrea Augello, coordinatore del comitato Polverini risponde: «È indecente sperare in una vittoria basata sulla cancellazione di voti espressi in buona fede dai cittadini».

 





Altri articoli su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info