sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> L'Opinione


LAICI E RADICALI A RISCHIO OSCURAMENTO

di Luca Tentellini “E’ indecente!” Ha sbottato il solitamente compassato direttore di Radio Radicale Massimo Bordin dopo avere constatato che nessuna testata giornalistica - eccetto L’opinione - aveva dato la notizia dell’incontro tra il presidente della Commissione dell’Unione Europea, Prodi e Olivier Dupuis. L’europarlamentare della Lista Bonino è da oltre un mese in sciopero della fame per sostenere il piano di pace per la Cecenia proposto dal presidente del governo ceceno in esilio Maskhadov.. Ma l’argomento non desta l’interesse dei media e dell’opinione pubblica nazionale ormai concentrati sulla lunga stagione elettorale che si prospetta. La politica estera dei diritti umani viene rimossa e pare non avere speranze di varcare la soglia dello studio televisivo di Porta a Porta. Ciò che non è funzionale al tritacarne mediatico-elettorale non buca il muro di gomma dell’indifferenza. E’ certo questo il punto più indigesto di una situazione che, all’inizio dell’2004, sembra già consolidarsi nella permanente cancellazione dai media di tutte le battaglie dei liberali, dei radicali (e di quel che resta dell’area laica) per i diritti, la legalità e la libertà. E non è un caso che intorno al vicepresidente della Camera, il deputato liberale di Fi Alfredo Biondi, sia calato il gelo e creatosi un vuoto pneumatico tra lui e i colleghi custodi dell’ortodossia della Cdl dopo le sue coraggiose dichiarazioni in aula riguardo la brutta legge sulla fecondazione medicalmente assistita. Né è un caso che anche L’opinione sia, da tempo, esiliata dalle rassegne stampa televisive. Il nostro è un piccolo giornale. Esce in edicola solo a Roma e Milano ed è disponibile on-line su internet. Eppure, se lo spazio sulle rassegne si basasse sulla logica delle copie vendute in edicola, anche altri quotidiani politico-culturali di nicchia dovrebbero subire analogo trattamento. Ma non è così e, quindi, altri direttori di testate dalla modestissima tiratura affollano, con crescente frequenza, i salotti dei vari talk show televisivi mentre il nostro Arturo Diaconale, non uso a lisciare il pelo ai soliti anchor men, viene puntualmente escluso dai dibattiti. Forse a radicali e liberali, oltre a una robusta rappresentanza parlamentare, manca quel cinico opportunismo che pare essere ingrediente indispensabile per affiancarsi a La Russa, Angius, Fassino e Bertinotti sulle ambite poltrone di Vespa o sulle graticole di Ballarò. Comunque i radicali sono oggi attestati, nei sondaggi sulle intenzioni di voto, intorno all’uno per cento. Un dato che ha portato il leader Marco Pannella a prefigurare un’eventuale non presentazione di liste radicali alle elezioni europee ed il segretario di Ri Daniele Capezzone a invitare il partito alla riflessione su un possibile “bagno di sangue” anche sul referendum abrogativo della legge sulla procreazione medicalmente assistita. E tra i militanti radicali l’oggettivo momento di difficoltà si traduce nella polemica tra chi vorrebbe “più Bonino” e attribuisce la scarsa visibilità del movimento alla mancata valorizzazione della leadership di Emma Bonino con l’evidente nostalgia per l’irripetibile stagione del 1999. Rimane forse aperta la possibilità di lavorare insieme per rompere la camicia di forza clericale e statalista che sta soffocando la Casa delle Libertà. Non sarebbe giunta l’ora cari liberali, radicali, repubblicani, socialisti di scegliere tra la prospettiva di una probabile futura estinzione della propria rappresentanza nelle istituzioni nazionali ed europee e l’opportunità di un contratto politico per una alleanza laica?





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Cecenia ] [ Nonviolenza ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Cecenia ] [ Nonviolenza ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Cecenia ] [ Nonviolenza ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info