sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> L'Unità


"LE NOSTRE CONQUISTE SONO ANCORA A RISCHIO. SERVE UNA GRANDE MOBILITAZIONE"

L'Unità - 8 aprile 2010

Emma Bonino critica la Lega, gli appelli antiabortisti, ma il vero problema dice è "che loro prendono peso perché da questa parte non c'è una vera resistenza". E avverte: "Quello che ci siamo guadagnati, oggi è in gioco"

di Maria Grazia Gerina

"Ne abbiamo viste di peggio ma le abbiamo vinte perché lo volevamo al di là delle prudenze 
dei partiti", dice Emma Bonino alle donne che nel 2010, quando decidono di ricorrere all'aborto, si ritrovano ancora a combattere con obiettori di coscienza, rinati picchetti anti-abortisti (anche se sparuti e scarsi), ospedali che, nonostante il via libera dell'Aifa, ritardano 
a far partire gli ordinativi per la Ru486 che da decenni consente di abortire senza ricorrere all'intervento chirurgico. Non siamo agli anni Settanta: "Ma stanno facendo una battaglia ideologica contro un farmaco, dicono che non si deve banalizzare l'aborto, ovvero vogliono ancora che si partorisca nel dolore e si abortisca sotto tortura". 
La "ricetta" di Emma Bonino, di¬†fronte a tutto questo, √® in un certo¬†senso antica. "Ci vuole una grande¬†mobilitazione nel paese". Una mobilitazione¬†delle donne, prima di tutto.¬†Ma non solo. "Bisogna rilanciare¬†un dibattito aperto sui valori, sulla¬†libert√† di scelta della donna di fronte¬†alla maternit√†, sulla libert√† di cura,¬†sui diritti civili", dice la vicepresidente¬†del senato. Lei che, nel 1975,¬†pag√≤ con il carcere la disobbedienza¬†alla legge che allora vietava l'aborto.¬†Storia di trentacinque anni fa.¬†Tornata d'attualit√†, in campagna¬†elettorale, quando Libero, fiutata¬†l'aria, ha ripubblicato le foto della¬†candidata del centrosinistra che nel '75 aiutava contra legem le donne ad¬†abortire. Anacronistico? Certo. Oggi¬†il diritto delle donne ad abortire √®¬†legge. Ma la lezione di queste ore - e¬†non solo - dice anche che: "Le conquiste¬†fatte non sono per sempre, se¬†non le si difende, ci si sveglia una¬†bella mattina e quelle cose che hai¬†conquistato non ce le hai pi√Ļ", scandisce¬†la leader radicale, invocando¬†una "manifestazione, una mozione¬†in parlamento", qualunque cosa segnali¬†una reazione. E non serviva¬†nemmeno vedere "tutta questa mobilitazione¬†contro la Ru486" per capire¬†l'urgenza: "Basta guardare a cosa¬†succede negli ospedali della Lombardia¬†dove non si fanno pi√Ļ aborti¬†perch√© sono tutti obiettori".¬†
"Perché non oggi?", quindi. Questo è l'appello che la vicepresidente del Senato rivolge alle donne, adesso che si tratta di non perdere le conquiste costate anni di lotte. "Facciamo qualcosa, ricominciamo dal paese", dice. L'idea che di queste cose ormai se ne debbano occupare solo le istituzioni - mai così fragili, per giunta - non regge. Che si tratti del parlamento dove si legifera ("e dove peraltro non siamo maggioranza") o di uno degli ospedali a cui le donne si rivolgono per abortire, di fronte alle pressioni crescenti della Chiesa e non solo, "le istituzioni vanno rafforzate e dare vita a un movimento nel paese servirebbe anche a questo", avverte Bonino. Critica, certo, con la Lega, con gli appelli anti-abortisti della Chiesa. Ma anche con la sinistra: "Se certa destra ne fa una battaglia ideologica è anche perché dall'altra parte non c'è una mobilitazione progressista, o come la vuoi chiamare (io suggerirei normale) a favore della libera maternità, una resistenza vera, una contrapposizione di valori". 
La marcia indietro a cui sono stati costretti Cota e Zaia dice che di margine ce n'è: "Ma se uno vuole far crescere la contraddizione nel campo dell'avversario deve costruire una mobilitazione della sua parte". E invece: "Certi argomenti - attacca Emma Bonino - sono rimasti abbastanza nascosti in questi anni, per ragioni politicanti". 
Un j'accuse molto duro: "L'ultima manifestazione s'è vista dopo il referendum sulla legge 40, ma stiamo parlando del 2005". La risposta migliore? "Mobilitarsi, meglio tardi che mai". "Corrente Rosa una settimana fa ha proposto una manifestazione, finora le adesioni scarseggiano".





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ RU486 ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ RU486 ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ RU486 ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]


- WebSite Info