sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Fatto Quotidiano


SOSTIENE FRATTINI

Il Fatto Quotidiano - 15 aprile 2010

di Furio Colombo

Se c'è una qualità di Franco Frattini, ministro degli Esteri italiano, è il candore. Di fronte alle commissioni Esteri Camera e Senato in seduta congiunta, ha raccontato una storia sulla vicenda dei tre italiani di Emergency arrestati misteriosamente sabato scorso da uno strano schieramento di poliziotti afghani e di soldati inglesi. Una storia che sarebbe considerata esagerata anche dal produttore di un film di Quentin Tarantino. "Si preparavano a una esplosione in mezzo alla folla di Helmand (la città più vicina all'ospedale Emergency di Lashkar Gah) per portare i corpi straziati delle vittime nel centro sanitario di Gino Strada". Un'altra versione, sempre riferita con candore dal capo della diplomazia italiana è: "Il governatore, Gulab Mangal sarebbe stato fatto saltare in aria durante la visita ai feriti nelle corsie di Emergency". Se c'è un difetto vistoso (si ripete sempre) di Franco Frattini è l'incapacità di prendere da solo una decisione. Purtroppo Berlusconi è partito senza lasciare indicazioni precise, né a Roma, né ad Arcore. Frattini, anche se ha il microfono della tv a un centimetro dal viso, parla con voce alta e stentorea, come davanti alla piazza Tien An Men. E declama: "Se c'è un errore che non farò, è di andare in Afghanistan". Infatti gli era stato detto, alla riunione Camera-Senato: "Usi un pò di autorità in questa vicenda per sapere, per capire. C'erano soldati inglesi quando sono stati arrestati e poi scomparsi gli italiani. Perché? Lo sapevano a Londra? Lo sapevano a Roma? Quando?". Frattini fa l'elenco: Ha ottenuto un incontro con il ministro degli Esteri afghano. Dove, quando, se lui non parte? Berlusconi ha mandato una lettera a Karzai. Che cosa ha chiesto? Lo sorprende una domanda di Emma Bonino: "Come fanno a parlare di confessione, se li hanno interrogati senza avvocati?". Frattini declama i nomi di tre avvocati afghani che, in futuro, veglieranno. Ma dove sono Matteo Pagani, Marco Garatti, Matteo Dell'Aira? Non chiedetelo a Franco Frattini. Non farà l'errore di prendersi la responsabilità di un simile evento mentre Berlusconi è fuori.





Altri articoli su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Asia Meridionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ ONU ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Asia Meridionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ ONU ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Asia Meridionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ ONU ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info